Gli storici italiani all'assalto di Rechberg!

Tonino Camilli torna in Austria dopo un anno di assenza

Ad una settimana dalle verifiche sembra definito il gruppo degli Italiani in gara alla Rechbergrennen valida per il Campionato Europeo Montagna Autostoriche. Saranno quasi una dozzina i nostri portacolori al via, al volante delle vetture più disparate. Sfortunatamente la concomitanza con la Sarnano-Sassotetto, prima gara del CIVSA 2019 dopo la tragica "falsa partenza" di Cortona, ha impedito ulteriori presenze italiane alla storica gara austriaca. Nella Kategorie 1 spiccano in classe A2 la Abarth 1000 Bialbero di Giovanni Pagliarello e la Fiat Ala d'Oro 1100 carrozzata Stanguellini dell'orvietano Tonino Camilli che dopo un anno di assenza torna nella serie europea. In Kategorie 2, assente purtroppo per motivi familiari Bruno Vescio, ci sarà comunque una bicilindrica, la Fiat Giannini 650 NP dell'altoatesino Florian Rottonara, che in Austria si fa vedere spesso. Nella Kategorie 3 classe C1 troveremo il giovane friulano Ivan Di Fant con la sua A112 Abarth, e non sarà la sola vettura della classe di Desio al via in quell'affollata classe. Al via troveremo anche la A112 di Bojan Strozic, che spesso gareggia a Cividale e Verzegnis. Nella Kategorie 4 la maggior parte degli italiani in campo a Rechberg. In classe D7 la Osella Pa9/90 del ciociaro Roberto Turriziani, in classe D8 ben tre Osella Pa9/90 pilotate da tre "maestri" della specialità: il pisano Piero Lottini, il lombardo Walter Marelli ed il Conte Uberto Bonucci più volte campione europeo. A questi si aggiunge un nuovo italiano con una Sport, il triestino Enrico Lena con una Olmas SN in classe D9. Non mancherà anche una quota "rosa" con la ligure Gina Colotto in campo in Kategorie 5 classe E3 con una Formula Fiat Abarth SE 033. Un tocco di Italia lo assicureranno poi i diversi austriaci in campo con vetture Fiat o Alfa Romeo. E'il caso di Karlheinz Stranner con la Fiat 131 Abarth, di Rudolf Sporer con un'Alfa Romeo Giulia Super, di Patrick Ulz con la Alfasud spesso vincente in Bergrallye e degli Obermoser, Oliver e Josef, in gara rispettivamente con una Sprint Veloce ed un'altra Alfasud...Stupenda poi la Ferrari 250 GT che Reinhard Labner dovrebbe portare al via in Kategorie 1. Appuntamento dunque al prossimo weekend per un grande spettacolo vintage in Austria.

N.M.B.

  • shares
  • Mail