Bicilindriche, Coppola sbanca Magione

Nulla da fare per Domenico Cuomo due volte secondo

L'ultima domenica di Aprile vede tornare a Magione anche il Campionato Italiano Bicilindriche con uno schieramento come sempre molto ricco e variegato. Già nelle prove di qualificazione non mancano i brividi con l'incendio che danneggia la Fiat 500 di Domenico Mascolo quel tanto che basta per impedirgli di disputare la gara. La prima manche vede Michele De Filippis partire dai box per un problema tecnico occorso nelle fasi di pre-griglia. Ancora peggio va a Francesco Liberato che per un altro guasto non può prendere il via con la propria Fiat 500. Pasquale Coppola scatta bene al via e domina le operazioni con la sua Fiat 500, confermando il suo ottimo stato di forma. Antonino De Gregorio, al via con una splendida Fiat 500 verde pistacchio, resta subito vittima di un guasto meccanico e si ferma poche decine di metri dopo il via. Viene riportato in pit-lane dove si tenta una riparazione che non avrà successo. Le vetture BIC 700 Gruppo 5 dominano la corsa; alle spalle di Coppola si porta quasi subito Domenico Cuomo, mentre Gennaro Vivese si installa terzo lamentando però qualche problema tecnico. Intanto De Filippis, dopo un tentativo di riportarsi sul gruppo, ha già ripreso la strada dei box. Risale intanto la china Vincenzo Zupo, protagonista di prove travagliate nelle quali è riuscito a stento a qualificarsi. Zupo, membro di una dinastia che vanta anche un buon palmares nel CIVSA, riduce giro dopo giro il divario su Vivese e proprio all'ultimo giro lo sorpassa conquistando così il podio assoluto e di classe BIC 700 Gruppo 5. Frattanto, anche la Fiat 500 di Gianni Pagliaroli si è aggiunta all'elenco dei ritirati fermandosi alla Vecchi Box. Coppola va a vincere indisturbato davanti a Cuomo e Zupo, mentre Vivese conclude a stento in quarta posizione davanti al veterano Sebastiano Mascolo. Il polivalente mantovano conquista la vittoria tra le Storiche 700 Gruppo 5 davanti al congiunto Vincenzo Mascolo anche lui in campo su Fiat 500 e giunto settimo assoluto. Davanti al campano conclude la Fiat 500 blu e rossa BIC 700 Gruppo 5 del teatino Giuseppe Guarnieri. Ottavo posto per il bravo Mario Caravello. Il pilota palermitano -da molti anni trapiantato a Fiano Romano dove gestisce una avviata tavola calda- vince con la fedele Fiat 500 bianco-rossa tra le Storiche 700 Gruppo 2 e precede nella classifica assoluta la bella Fiat 126 BIC 700 Gruppo 5 arancio di Natale Egitto. Quest'ultimo non si schiera in seconda manche come pure Gennaro Vivese. Ci sono però la Fiat 500 di Lucio Zito e la Fiat 126 di Luigi Belardo, assenti in prima manche. Il via, con griglia invertita, vede Guarnieri sfruttare bene la pole e comandare le operazioni per  gran parte del primo giro. Coppola però sfodera gli artigli e riprende rapidamente il controllo delle operazioni. Ben presto anche Cuomo si riporta secondo mentre Zupo sale terzo. Sembra che si debba ripetere il copione di gara uno, ma dalle retrovie risale deciso Michele De Filippis che a pochi minuti dalla fine scavalca Zupo entrando in zona podio. Complici le temperature miti, la corsa non si rivela particolarmente selettiva. Gli unici due piloti a doversi ritirare saranno Vincenzo Mascolo ed Antonino De Gregorio, fuori gioco dopo quattro giri. Anche Gianni Pagliaroli lamenta problemi meccanici, ma stavolta riesce in qualche modo a proseguire la gara perdendo terreno dai migliori. Coppola va a vincere davanti a Cuomo e De Filippis, mentre Zupo si deve accontentare del "rame" davanti a Sebastiano Mascolo e Guarnieri. Parziale riscatto per Liberato che giunge settimo assoluto e secondo di classe Storiche 700 Gruppo 5. Alle sue spalle chiudono Pagliaroli e Belardo. Mario Caravello completa la Top Ten e vince ancora tra le Storiche 700 Gruppo 2, precedendo la 500 di Zito.

N.M.B.

  • shares
  • Mail