Rechbergrennen, ancora Merli

Zuurbier terzo in A2000 con la Honda Civic Type-R

Christian Merli e la sua Osella FA 30 Zytek LRM continuano a dominare nel CEM. Il trentino trionfa anche a Rechberg infrangendo ogni record ed anche stavolta Simone Faggioli con la Norma M20 FC Zytek si deve accontentare dell'argento con un ritardo di tre secondi ed otto decimi dal trentino. Terzo posto per un'altra Norma M20 FC con al volante il francese Sebastien Petit, bravo ma non abbastanza veloce per impensierire i nostri portacolori. Ai piedi del podio chiude un altro portacolori del team di Christian Merli, l'austriaco Christoph Lampert con la Osella Fa30, migliore di tutti i piloti austriaci. La quinta posizione se la aggiudica Diego De Gasperi con la Osella FA30 Zytek. Il trentino migliora di gara in gara ed il suo obiettivo è di fare bene alla casalinga Trento-Bondone di inizio Luglio. De Gasperi non ha problemi a precedere Guy Demuth con la Norma M20 FC e la migliore delle vetture a ruote coperte, la Volkswagen Golf TFSI-R di Karl Schagerl. L'austriaco polverizza ogni record tra le vetture a ruote coperte e vince la E1 precedendo la Skoda Fabia Super 2000 del ceco Veroslav Cvrcek. Soddisfazione per il colori italiani viene anche da Marco Capucci che con la Osella Pa21S fa bottino pieno tra le CN. In E2 Silhouette successo per la McLaren F1 Evo di Marek Rybnicek sulla Audi TT-R DTM di Vladimir Vitver e sulla Lotus Elise di Dan Michl al ritorno dopo un paio di anni di assenza. Tra le GT si registra il trionfo della McLaren 650S GT3 di Jan Milon mentre in Gruppo A trionfo degli austriaci con la Mitsubishi Lancer Evo VI di Roland Hartl che regola nettamente la Lancer Evo VIII di Manfred Fuchs e la Subaru Impreza Wrx di Lukas Vojacek. In A2000 terzo posto per Luca Zuurbier con la Honda Civic Type-R dietro alla identica vettura di Ales Prek ed alla Peugeot 306 di Kurt Ritzberger. Quarta posizione di classe per la Alfa Romeo 147 di David Dedek davanti alla Honda Civic Type-R di Chris Andre Mayer. In gruppo N invece c'è il dominio del locale Dieter Holzer su Mitsubishi Lancer Evo VIII davanti alla Lancer Evo IX di Peter Jurena ed alla Lancer Evo X di Filip Sajler. Antonino Migliuolo è quinto dietro anche alla Lancer Evo X di Gabriela Sajlerova. Purtroppo non raccolgono risultati né Simone Di Fulvio, fermato da noie al motore della Osella Pa30, nè le Reynard K02 di Fausto Bormolini e Renzo Napione. I due veterani vengono eliminati da cedimenti meccanici rispettivamente nella seconda e terza salita di prova. Alla fine sono 125 le Automoderne classificate. Al via anche alcune vetture italiane come la Alfa Romeo 147 JTD Cup di Stephan Ogris ottantatreesimo assoluto, la Fiat Bravo di Dietmar Oberdorfer centocinquesimo assoluto e la Formula Arcobaleno di Robert Schwendinger costretto al ritiro per noie meccaniche. Non si presenta alle verifiche la Alfa Romeo 33 di Gregor Hutter fresca di ultimazione da parte della Werk 2 e, purtroppo, anche la Lancia Delta Evo di Fulvio Giuliani che lascia i "colleghi" Felix Pailer e Milan Bubnic ad allietare da soli il folto pubblico presente, tra l'altro "graziato" dal maltempo nonostante previsioni negative.

N.M.B.

  • shares
  • Mail