Barri e Dionisio trionfano a Roma in TCR Endurance

La pioggia grazia la tappa romana del nuovo campionato

Rincorsa vincente per Ermanno Dionisio e Giacomo Barri con la Audi RS3 LMS della BF Motorsport nella seconda gara della serie TCR Endurance a Vallelunga. Con uno splendido attacco al cinquantacinquesimo giro ai danni della Audi RS3 LMS di Sandro Pelatti, Barri ha fatto sua una gara caratterizzata da numerosi avvicendamenti al comando, favoriti anche dall'incertezza delle condizioni meteo. Il via è dietro la Safety Car a causa delle condizioni meteo molto precarie e della pista bagnata dal rovescio monsonico abbattutosi durante la seconda manche dei Prototipi; Simone Patrinicola con la Volkswagen Golf GTI divisa con Raffaele Gurrieri è subito in vetta ma dopo pochi giri soccombe al recupero rabbioso di Giovanni Altoè. Il rodigino, dopo avere scalzato la Volkswagen Golf GTI di Davide Valsecchi, dopo quattro tornate si porta al comando con la sua Cupra TCR detenendolo fino alla prima sosta ai box. Patrinicola torna al comando fino al momento del suo primo pit-stop; così Michele Imberti, partito con le gomme slick, passa primo con la Volkswagen Golf GTI della Elite Motorsport. Mentre Imberti rimane saldo al comando, nelle posizioni di rincalzo lottano accanitamente Carlotta Fedeli con la Cupra TCR e Gurrieri con la formellese che riesce alla fine ad avere la meglio. Non mancano i brividi con i testacoda di Jimmy Ghione con la Audi RS3 LMS della RS+A al Tornantino e di Riccardo Ruberti con la Cupra TCR della BF Motorsport. Entrambi riescono a riprendere la corsa; Ghione, che divide la macchina con Mariano Costamagna e Ferruccio Fontanella suoi vecchi compagni di avventura nel monomarca Kia Energie Alternative, dovrà scontare un drive through avendo percorso un breve tratto contromano per ripartire. Nella seconda metà di gara si cominciano a definire i pretendenti per la vittoria: la vettura di Dionisio e Barri comanda le operazioni dal trentottesimo al quarantunesimo giro, per poi lasciare di nuovo spazio ad Imberti. Il pilota Elite Motorsport rimane in testa per altri quattro giri e poi cede spazio alla Volkswagen Golf GTI di Lorenzo Nicoli e Marco Cenedese. Dopo un solo giro però si porta in testa uno scatenato Davide Valsecchi, che ritarda al massimo la sua ultima sosta ai box avendo dovuto scontare uno stop and go. Il pilota di Eupilio dovrà così cedere la leadership a Sandro Pelatti, intanto subentrato a Gabriele Volpato; nel frattempo Giovanni Altoè con la sua Cupra TCR si "autoelimina" dalla lotta per la vittoria pasticciando il suo ultimo pit-stop. Negli ultimi la corsa vive tutta sul duello tra Barri e Pelatti che culmina nel sorpasso decisivo a favore del primo. Barri da quel momento allunga e si invola verso una perentoria vittoria. Completano il podio Carlotta Fedeli e Cosimo Barberini con la Cupra TCR, davanti ad un eccellente Imberti. Quinti Gurrieri e Patrinicola con la Golf GTI davanti alla identica vettura di Nicoli e Cenedese. Settimi sono Giuseppe Montalbano e Paolo Palanti con la Audi RS3 LMS di BF Motorsport, davanti agli eccellenti leccesi Massimiliano e Niccolò Pezzuto con la Volkswagen Golf GTI della NOS Racing. Al nono posto un'altra Golf GTI curata dalla Pit Lane con al volante i veterani Giammaria Gabbiani ed Enrico Bettera, davanti alla Cupra TCR di Nicola e Guido Sciaguato che sono i primi dei doppiati e precedono la Cupra di Giovanni e Giacomo Altoè. Alle spalle dei veneti la Cupra TCR che la BD Racing fornisce al veterano Andrea Masserini, accompagnato dal lombardo Simone Jody Vullo. Tredicesimo lo sfortunatissimo Valsecchi, che divide la sua Golf GTI con il bravo bergamasco Alessandro Berton autore di una gara inappuntabile. Seguono due Cupra TCR, con la vettura RS+A di Alberto Biraghi e Marco Costamagna che ha la meglio sul bolide di Riccardo Ruberti e Daniele Verrocchio. Alcuni problemi attardano la VW Golf GTI di Diego Cassarà ed Alberto Tapparo, la Audi RS3 LMS ufficiale di Nicola Guida e la Audi RS3 LMS RS+A di Jimmy Ghione, Costamagna senior e Fontanella, che però riescono tutte a giungere in fondo; l'unica auto a non vedere il traguardo è la Volkswagen Golf GTI Elite Motorsport di Franco Gnutti ed Andrea Mabellini. Dopo una buona gara, la vettura tedesca accusa una foratura all'anteriore sinistra con Mabellini al volante ad un quarto d'ora dalla bandiera a scacchi e si insabbia senza possibilità di recupero. Saranno comunque classificati ultimi a 9 giri da Barri. Ora, oltre un mese di pausa prima della prestigiosa terza tappa a Misano Adriatico, in notturna a contorno del DTM.

N.M.B.

  • shares
  • Mail