Supercars Series, a Franciacorta Galante risponde a Iaquinta

Seconda manche ricca di colpi di scena

Schieramento qualitativamente di alto livello a Franciacorta per la Supercars Series con cinque marchi al via e la pole conseguita da Simone Iaquinta, chiamato dalla CLG Bloise ad affiancare Cosimo Lucio Gioffrè sulla Lamborghini Huracan GTC del team di Castrovillari. Alle sue spalle la Chevrolet Corvette GTA di Roberto e Luli Del Castello.

 

Gara 1


Simone Iaquinta non concede nulla agli avversari ed allunga subito in testa al gruppo. Roberto Del Castello è il solo a tenere in qualche modo il ritmo del figlio d’arte calabrese ma anche lui è costretto a cedere. A rendere elettrizzante la corsa il duello per il terzo posto tra la Porsche 991 GTB di Andrii Iefimenko e la Ferrari 488 GTA di Silvio Galante, e la contesa per il quinto posto tra le Porsche 997 GTC di Adriano Visdomini ed Armin Hafner e la Porsche 991 GTB di Carlo Scarpellini. Iefimenko contiene bene gli assalti di Galante per tutta la durata della corsa, mentre Hafner emerge nella prima metà di gara superando prima Scarpellini e poi Visdomini. Il portacolori di Autorlando, che nelle qualifiche aveva urtato le barriere con l’anteriore della sua 997, cede poi anche all’attacco di Scarpellini e retrocede settimo. Nel finale di gara Galante va lungo alla prima curva con la sua 488 e si insabbia senza scampo. Per Andrii Iefimenko è il lasciapassare per il terzo posto assoluto. La rimozione della Ferrari di Galante si protrae fino alla bandiera a scacchi e Iaquinta junior vince su Del Castello, Iefimenko, Hafner, Scarpellini e Visdomini.

 

Gara 2


Sulle vetture di vertice subentrano i secondi piloti e la pista è ancora umida a causa del nubifragio di Sabato pomeriggio. Al via subito colpo di scena con Gioffrè che si gira dopo la prima curva e riparte attardatissimo in fondo al gruppo. Per Luli Del Castello la strada per la vittoria sembra spianata ma dopo quattro giri si intraversa nella zona del “Terrapieno”, finendo sull’erba in modo molto spettacolare. La Del Castello riesce ad evitare l’impatto con le barriere, ma la Corvette non riparte. Silvio Galante passa così al comando mentre alle sue spalle la bagarre è al calor bianco. I primi a lottare sono Kyrylo Bastrychev -subentrato a Iefimenko- ed Adriano Visdomini. Questi riesce a passare secondo con un sorpasso “sopra le righe” e Bastrychev viene superato anche da uno scatenato Armin Hafner. L’ucraino però reagisce e torna subito terzo a scapito dell’altoatesino; poco dopo Visdomini viene sanzionato con un Drive Through e Bastrychev si riporta secondo tentando anche di recuperare terreno sul leader Galante. Nella seconda parte di gara sale in cattedra Scarpellini che riduce il distacco su Hafner giro dopo giro. Nelle fasi finali di gara Scarpellini ed Hafner si toccano girandosi e Visdomini si riappropria del terzo posto. Galante va a vincere con Bastrychev che tira i remi in barca nel finale, mentre per il terzo posto ci sono ancora brividi: Visdomini si gira a poche curve dalla bandiera a scacchi consentendo a Scarpellini, con la Porsche Duell Racing malconcia, di chiudere terzo sul campo. Nel post-gara però la Direzione Gara penalizza di quindici secondi Scarpellini e Visdomini alla fine è di nuovo terzo assoluto oltreché vincitore in GTC. Gioffrè scavalca Hafner in extremis ed evita l’ultimo posto.

N.M.B.

  • shares
  • Mail