TCR Italy, primo hurrà Hyundai a Misano

Matteo Greco fa bottino pieno in gara due

La serie TCR Italy, nonostante le numerose defezioni causate dalla introduzione della serie TCR Endurance, continua a sfornare gare combattute e spettacolari. A Misano Adriatico nella prima manche ci si aspetta la vittoria di Salvatore Tavano con la Cupra TCR ufficiale, ma a tre giri dalla conclusione il siciliano è costretto a fermarsi per un problema tecnico lasciando così la vittoria alla Hyundai i30 TCR Target Competition di Marco Pellegrini Anatrella. Per la vettura coreana è la prima vittoria nella serie italiana; secondo posto per il poleman Enrico Bettera con la Audi RS3 LMS di Pit Lane, autore di una buona gara così come il migliore della graduatoria DSG, Eric Scalvini, che termina terzo assoluto con una Cupra TCR. Alle sue spalle chiude sul campo il macedone Igor Stefanovski ma una penalità di dieci secondi per sorpasso in regime di Safety Car -per la rimozione della Opel Astra TCR di Andrea Argenti insabbiata al Curvone- lo relega quinto alle spalle di Stefano Bergonzini, che con la Cupra TCR di BF Motorsport è quarto assoluto e secondo in classe DSG. Penalità anche per Felix Wimmer con la Cupra Leon TCR 2018, che però non gli costa il sesto posto finale; viceversa il compagno di team Peter Gross, parimenti sanzionato per sorpasso con le bandiere gialle, perde la settima posizione a vantaggio della Honda Civic del pugliese Davide Nardilli. Gross mantiene comunque il terzo posto tra le vetture DSG. Alle spalle di questi agguerriti piloti c'è Matteo Greco che perde terreno per un Drive Through comminatogli per una collisione con la Giulietta di Max Mugelli, dal canto suo eliminato da un guasto meccanico che lo spedisce nelle vie di fuga mentre era settimo. Debutto per la Volkswagen Golf GTI della Proteam con Max Milli decimo assoluto e quarto in DSG davanti agli austriaci Beninger e Voithofer. In seconda manche uno scroscio di pioggia prima del via costringe a modificare la scelta degli pneumatici e riduce notevolmente la aderenza delle vetture. Mentre Tavano veleggia in testa al gruppo il primo a pagare dazio è Pellegrini che si gira, poi anche Bettera compie una divagazione fuori pista. Peggio va a Stefanovski che nella parte finale della pista urta le protezioni. Per motivi precauzionali entra la Safety Car che imbriglia il gruppo per qualche giro. Al nuovo via il leader resta Tavano ma ben presto deve rientrare ai box lasciando al comando la Giulietta di Mugelli. Greco e Scalvini si pongono immediatamente alle spalle del toscano, mentre nelle retrovie capita di tutto. Bettera, in rabbiosa rimonta dalle retrovie, viene ostacolato da Jacopo Guidetti che cerca un buon piazzamento dopo il fulmineo ritiro in gara uno con la Audi RS3 LMS di BF Motorsport. Guidetti, dopo un primo contatto, manda Bettera in testacoda all'uscita della Quercia. Guidetti, che aveva colpito anche Argenti, viene sanzionato con un Drive Through, che però non osserva ricevendo così la bandiera nera. Nelle ultime fasi di gara brivido per il duello tra Gross e Nardilli, con quest'ultimo che va larghissimo sull'erba al Curvone e quindi, attraversando la pista, rischia anche di insabbiarsi. Il pugliese riesce in qualche modo a riprendere il controllo della Honda e proseguire. Nelle ultime fasi di gara Mugelli viene scavalcato prima da Greco e poi da Scalvini. Per la Scuderia del Girasole è così bottino pieno con vittoria assoluta ed in classe DSG. A Mugelli resta il bronzo davanti a Felix Wimmer, i rimontanti Pellegrini Anatrella e Bettera, la Opel Astra di Argenti e Nardilli che riesce a cancellare l'amarezza per l'incidente dello scorso anno ultimando entrambe le gare. Podio in classe DSG completato da Gross e Bergonzini, rispettivamente nono e decimo assoluto. Benninger, Voithofer e Massimiliano Chini con la Golf GTI di Proteam completano la classifica. Giornata no per Tavano che rientra in pista in extremis ma la distanza da lui coperta non è sufficiente a classificarsi. In classifica di campionato Enrico Bettera resta leader con due soli punti di vantaggio su Pellegrini Anatrella e nove su Greco. Tra le DSG Bergonzini è saldo leader su Benninger. Prossima gara il 23 Giugno ad Imola.

N.M.B.

  • shares
  • Mail