Niki Lauda: morto il grande campione di Ferrari e McLaren

La scomparsa di Niki Lauda getta nello sconforto i tifosi di automobilismo, perché viene a mancare uno dei piloti più bravi della storia.

Grande dolore nel cuore degli appassionati di motorsport: Niki Lauda è morto in una clinica svizzera, all'età di 70 anni. A dare la triste notizia della dipartita sono stati i familiari dell'ex pilota austriaco, che nella sua vita fu anche imprenditore nel settore aereo e dirigente sportivo nel mondo dell'auto.

Vincitore di tre titoli mondiali in Formula 1 (due con la Ferrari nel 1975 e 1977 e uno con la McLaren nel 1984), Lauda disputò nel corso della sua carriera 171 Gran Premi, vincendone 25. Al suo attivo 24 pole position e altrettanti giri veloci.

Soprannominato il "computer", per la sua capacità di individuare in fretta anche i difetti più piccoli delle sue auto, Niki Lauda non aveva peli sulla lingua. I suoi giudizi, a volte taglienti, erano il frutto di una grande onestà intellettuale.

Uomo libero e di carattere, nella sua avventura sportiva guidò anche monoposto firmate March, BRM e Brabham. Gli sportivi lo considerano, a ragione, uno dei migliori piloti della storia. Nel suo volto sfigurato i segni del terribile incidente nel 1976 sul circuito del Nürburgring, quando rischiò di perdere la vita.

Da un po' di tempo Niki Lauda era sofferente: diversi i ricoveri in ospedale. Qualche mese fa una malattia respiratoria aveva richiesto, in via prudenziale, il ritorno in clinica, per salvaguardare il suo sistema immunitario dopo il delicato intervento cui era stato sottoposto la scorsa estate.

Sembrava che l'asso austriaco si fosse ripreso, grazie anche alla sua tempra di ferro e ad una forza caratteriale non comune, ma nella sfida con la vita la bandiera a scacchi è giunta prima del tempo. Questa la nota ufficiale diramata dalla Ferrari:

"Oggi è un giorno triste per la Formula 1. La grande famiglia della Ferrari apprende con profonda tristezza la notizia della morte dell'amico Niki Lauda, tre volte campione del mondo, due con la Scuderia (1975-1977). Resterai per sempre nei cuori nostri e in quelli dei tifosi. Ciao Niki".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail