Super Cup a Misano, Pigoli in gara 2 fa poker

Fantastica gara per Duilio Frosinini con la Bmw 318 Racing Series di Colacino

Anche la seconda gara della Super Cup a Misano Adriatico viene condizionata dalla pioggia che torna a cadere piuttosto fitta durante la pausa pranzo e la terza gara del Campionato Europeo Camion. Come già accaduto nella prima manche, la pioggia riduce di intensità proprio prima del via dietro la Safety Car. Tre vetture non si schierano per problemi tecnici patiti nella prima manche: la Honda S2000 di Konstantin Gutsul, la BlackM di Mauro Cesari e la Peugeot 206 di Fausto Amendolagine. Durante la fase di neutralizzazione subito colpo di scena con Federico Scionti richiamato ai box per una inspiegabile bandiera nera. Al via vero e proprio Max Pigoli allunga su Ettore Carminati con la Honda Civic 24h Special e Claudio Formenti con la Seat Leon Cup Racer della Six Engineers. L’altra vettura del team azzurro, con il veronese Marco Maranelli al volante, viene colpita alla prima curva dalla Seat Leon Supercopa di Stefano Quercioli. Maranelli riparte in fondo e sarà costretto a rientrare ai box perdendo un giro, mentre Quercioli si ferma poco dopo la Quercia. La gara sembra scorrere abbastanza regolare salvo un paio di testacoda che coinvolgono la Seat Leon Cup Racer di Francesco Palmisano e la Mitjet di Andrea Mainetti alla Quercia. Poco dopo si ammutolisce la Alfa Romeo 147 2.0 Special di Maurizio Mazza che si ferma alla Variante del Parco. Nella classe Turismo 3 Luca Rossetti è scatenatissimo e anche stavolta si piazza comodamente nella Top Ten con la sua Mini Cooper S, seguito però dalla identica vettura di Luigi Gallo. In Turismo 4 Gianfranco Billo è ancora saldo leader ai danni di Giuseppe Iuorio che con la Toyota Corolla TS scavalca un Michele Febbraro non ben assecondato dalla Honda Civic Type-R. Ben salda la leadership di Tonino Scocco con la Peugeot 106 della C&C davanti ai compagni di team Alessandro Malavolta e Luca Re. Pigoli, spiritato, continua ad allungare sugli avversari quando il compagno di team Andrea Mainetti si ferma alla Variante del Parco. Anche se la Mitjet è lontana dalla pista, viene fatta entrare la Safety Car che ricompatta gran parte del gruppo. Quando si riparte il tempo a disposizione è pochissimo. Il gruppo di testa vede alcuni cambiamenti con Carminati, Alberto De Ambroggi sulla seconda Super Mitjet della DC Racing e Matteo Leone con la Alfa Romeo Giulietta 1.8 Turbo di Leone Motorsport insidiare da presso Formenti. Il lombardo incapperà in un errore proprio nella fase decisiva retrocedendo quinto, mentre Ettore Carminati si porta secondo e De Ambroggi chiude la porta a Matteo Leone per occupare il terzo posto. In Turismo 3 Rossetti e Gallo si lanciano in bagarre accesa e Rossetti riesce comunque ad avere la meglio. Alla fine Pigoli allunga di nuovo e va a vincere la quarta gara stagionale. Per la DC Racing è un vero trionfo visto che alle spalle di Carminati termina Alberto De Ambroggi. Formenti, quinto dietro Leone, mastica amaro. Sesto posto per un grande Luca Rossetti ancora vincente in Turismo 3. Precede un eccellente Arturo Pucciarelli che con la Alfa Romeo 156 bissa la vittoria in 2.0 Special, precedendo nettamente Sergio Borsini che festeggia comunque nel migliore dei modi il suo compleanno. Altro compleanno ben celebrato quello di Fiorello Fiore che con la Seat Leon Cup Racer di Team Cars Racing è decimo assoluto alle spalle di Francesco Malvestiti, “highlander” tra le Mitjet classiche, e Manuel Stefani che sale secondo in Turismo 3 dopo le penalità inflitte a Gallo e Cruciani. Alle spalle di Fiore bella rimonta di Fausto Flavi dopo un altro errore alla Quercia; nel finale scavalca dopo un duello gagliardo la Leon Cup Racer del forte Alessandro Revello. Raccoglie utile esperienza anche Lorenzo Flavi che con la Mini Cooper S della Cipierre è quarto in Turismo 3 dietro a Rizzo. In Seconda Divisione altra festa umbra con Walter Lilli primo davanti ad Armando De Vuono. Con la Bmw M3 E36 sapientemente riparata da DC Racing, il fiorentino precede di misura Marco De Dominicis. Il podio della classe Clio Cup lo completa invece Mario Beltrami davanti ad Andrea Dalla Bona e Paolo Tartabini; l’ottimo ternano Massimo Massaro si prende il lusso di battere Fabrizio Paolo Tablò ed Onofrio Mariella della Faro Racing, in difficoltà sul bagnato. Si insabbia all’ultimo giro Massimo Billo, tornata fatale anche al papà Gianfranco che si ferma a breve distanza da lui dovendo rinunciare alla vittoria in Turismo 4. Così Giuseppe Iuorio conquista clamorosamente il secondo successo di classe stagionale davanti a Michele Febbraro che limita i danni. Il romano rischia grosso con una scodata alla Quercia ma mantiene il controllo e conquista punti preziosi in ottica campionato. Billo senior viene classificato terzo di classe davanti a Davide Baffa Scinnelli con la Alfa Romeo 156 della Scuderia Città di Gubbio di Pierluigi Calzuola che comunque gongola con la vittoria di Filippo Braccioni in Turismo 2 sulla Seat Leon Supercopa. In Turismo 7 Scocco e Malavolta, tra i pochi concorrenti a non essere stati ricompattati dietro la Safety Car, lottano fino all’ultimo giro per la vittoria finché la 106 di Malavolta si ammutolisce consegnando a Scocco un’altra vittoria. Malavolta è comunque secondo davanti a Luca Re penalizzato da problemi al tergicristallo. E per finire, non ci sono parole per descrivere l’ottima gara di Duilio Frosinini che con una Bmw 318 Racing Series prettamente “stock block” e sapientemente curata da Walter Colacino chiude ventiseiesimo assoluto: una conferma della inalterata maestria del lombardo, in passato anche vicecampione mondiale del Challenge Ferrari. La prossima gara della Super Cup si svolgerà ad Adria dal 6 al 7 Luglio ed avrà la particolarità di avere la prima manche in notturna.

 

N.M.B.

  • shares
  • Mail