Rally Italia CIR, il punto dopo cinque speciali

Crugnola precede nettamente Rossetti e Basso

Classifiche a singhiozzo per il Rally d'Italia valido per il CIR. La corsa è stata rallentata in ben due occasioni: la prima sulla seconda prova speciale per il testacoda di Fabio Andolfi che con la sua Skoda Fabia R5 ha bloccato la strada a tutti gli altri piloti in un punto molto stretto, e la seconda nella PS 4 per un pesante incidente occorso a Pablo Biolghini con la Skoda Fabia R5. Anche in questo caso la strada è stata bloccata costringendo all'attribuzione di tempi imposti. Nessuna conseguenza per il lombardo: dopo che la sua Fabia R5 è stata rimessa sulle quattro ruote, Biolghini è anche riuscito a ripartire. Al momento si sta disputando la quinta speciale e solo i "big" del Campionato Italiano la hanno portata regolarmente in fondo. Sulle infide strade sterrate sarde si sta esaltando Andrea Crugnola che con Roberto Mometti è leader provvisorio al volante di una Skoda Fabia R5. Al secondo posto troviamo Luca Rossetti ed Eleonora Mori con la Citroen C3 R5, staccati di 22 secondi e cinque decimi. Terzi dopo una serie di errori in particolare tra quarta e quinta PS Giandomenico Basso e Lorenzo Granai pure in gara su una Skoda Fabia R5. Non rende come dovrebbe Simone Campedelli che è quarto con la Ford Fiesta R5, alle prese con problemi di guidabilità. Il romagnolo inoltre nella quarta prova speciale è stato "rallentato" dal cartello SOS esposto dal navigatore di Gus Greensmith. Una segnalazione inspiegabile visto che l'inglese impegnato in WRC 2 Pro è solo scivolato in un fossetto con la sua Ford Fiesta R5 senza danni per equipaggio e mezzo. La corsa sarda vale anche per il Campionato Italiano Rally Terra, con un gruppo particolarmente qualificato. Al momento è leader il transalpino Stephane Consani con la Skoda Fabia R5, davanti alla identica vettura di Nicolò Marchioro. Umberto Scandola, con la Hyundai i20 R5, non sta brillando ed è solo terzo davanti alla Ford Fiesta R5 di Andrea Dalmazzini ed alla Skoda Fabia R5 di Luciano Cobbe. Non va bene nemmeno a Luca Hoelbling che con la Hyundai i20 R5 è stato vittima anche di una toccata all'anteriore sinistro. In difficoltà i "big" sardi Giancarlo Pusceddu e Giuseppe Dettori, il primo ha staccato l'alettone posteriore sulla quarta speciale mentre il secondo si è ribaltato fin dalla prima speciale alla Ittiri Arena dovendo quindi rincorrere. Peggio ancora va a Giacomo Costenaro, uscito nella quinta speciale di Monte Baranta con la Skoda Fabia R5: non è ancora dato sapere se potrà riprendere, oppure dovrà ricorrere al Super Rally o peggio ancora ritirarsi.

N.M.B.

  • shares
  • Mail