Rally Italia WRC, nuove sorprese dopo la sesta speciale

Latvala capota e perde la leadership, Neuville va lungo e poi accusa noie tecniche

Il Rally d'Italia Sardegna 2019 si conferma gara piena di colpi di scena e spettacolo. La sesta prova speciale sulle strade di Tula rimescola le carte per la classifica del WRC: il leader Jari-Matti Latvala capota arenandosi sul fianco destro della sua Toyota Yaris WRC ed in tal modo perde la leadership della corsa. Il finnico è poi rimesso in gara dal pubblico ma esce dalla sesta PS con un tempo altissimo, venendo relegato in decima posizione assoluta. Nuovo leader è così il compagno di team Ott Tanak. Per l'estone un momento decisivo in chiave campionato, visto che Ogier sta precipitando in classifica dopo avere rotto una sospensione della Citroen C3 WRC nella precedente PS di Monte Baranta. Anche ripartendo con il Super Rally nella giornata di domani, il transalpino difficilmente riuscirà a recuperare qualche punto a meno di una rimonta clamorosa. Per di più, anche Thierry Neuville sta attraversando momenti difficili. Il belga della Hyundai, sempre sulla sesta speciale a Tula, è rimasto vittima di un lungo in cui ha danneggiato il paraurti anteriore. Il belga ha portato a termine la PS ma ora è retrocesso al settimo posto assoluto; inoltre dopo la prova Neuville ed il copilota Gilsoul si sono fermati aprendo il cofano della i20 Coupe WRC. Non è del tutto escluso quindi che il binomio belga sia costretto allo stop almeno per questa tappa, finendo quindi nelle retrovie e perdendo una buona opportunità per avvicinarsi ad Ogier. Miglior tempo nella sesta speciale per Teemu Suninen con la Ford Fiesta WRC. Per il finnico ora c'è il terzo posto provvisorio, alle spalle di un regolarissimo Dani Sordo che si conferma uno dei piloti più costanti in casa Hyundai. Risale deciso anche Andreas Mikkelsen con la terza Hyundai i20 Coupe WRC ufficiale: ora è quinto assoluto, davanti alla Toyota Yaris WRC di Kris Meeke. Dopo l'exploit della precedente speciale annaspa ancora Esa-Pekka Lappi con la Citroen C3 WRC ufficiale, il finnico è solamente ottavo davanti alla Yaris WRC del connazionale Juho Hanninen. In WRC 2 Pro, dominio Skoda con Kopecky e Rovanpera junior al momento imprendibili. E come già accaduto in Portogallo, Gus Greensmith dovrà inseguire con la propria Ford Fiesta R5 ufficiale dopo l'uscita sulla quarta prova speciale che lo costringerà a ricorrere al Super Rally per domani.

N.M.B.

  • shares
  • Mail