Rally Italia WRC, Sordo primo a sorpresa

Suninen secondo e Mikkelsen completa il successo Hyundai

Epilogo a sorpresa del Rally Italia Sardegna valido per il WRC. Nell'ultima speciale, la Power Stage di Sassari-Argentiera, Ott Tanak "si suicida" compiendo un testacoda che gli danneggia lo sterzo. L'estone riesce ad ultimare la speciale con la Toyota Yaris WRC azzoppata ma perde oltre due minuti. Così Dani Sordo va a vincere clamorosamente con la Hyundai i20 Coupe WRC, in una giornata che finisce in gloria per la Hyundai. A regalare grandi emozioni alla casa coreana non è però Thierry Neuville che chiude solamente sesto, bensì Andreas Mikkelsen che con un irresistibile forcing finale -con tanto di miglior tempo sulla Power Stage conclusiva- intasca il terzo posto alle spalle della Ford Fiesta WRC di Teemu Suninen. Ai piedi del podio termina Elfyn Evans che con la Ford Fiesta WRC poco può contro l'offensiva finale di Mikkelsen. Quinto posto amaro per Ott Tanak che, comunque, da stasera è il nuovo leader della classifica iridata. Il suo vantaggio su Sebastien Ogier, giunto quarantaduesimo con la Citroen C3 WRC, è però di soli quattro punti, margine tutt'altro che rassicurante in un Mondiale incertissimo. A "salvare" l'onore Citroen pensa Esa-Pekka Lappi, che termina settimo davanti ad un Kris Meeke davvero incolore con la terza Toyota Yaris WRC ufficiale. Peggio va a Juho Hanninen che con la sua Yaris WRC si ferma prima dell'ultima PS. Nella zona punti assoluta trovano spazio anche i due grandi protagonisti della WRC 2 Pro, con Kalle Rovanpera primo su Jan Kopecky in una grande festa Skoda. Ed ora Rovanpera junior è saldamente al comando della classifica di specialità con ampio margine su Mads Ostberg, terzo di categoria con la Citroen C3 R5 ma nettamente più lento della Skoda Fabia R5 ufficiali. Quarto posto di classe per Gus Greensmith che con la Ford Fiesta R5 riesce perlomeno a giungere in fondo. In WRC 2 colpo di scena con il nipponico Katsuta Takamoto che resta vittima di un principio di incendio alla Ford Fiesta R5 nell'ultima giornata di gara. Il fuoco viene spento quasi subito ma per il pupillo di Makinen la corsa termina senza scampo. Vince così il transalpino Pierre-Louis Loubet con la Skoda Fabia R5, davanti alla Skoda Fabia R5 del polacco Kajetanowicz ed alla Hyundai i20 R5 dell'ottimo Simone Tempestini. Fabio Andolfi riesce a raggranellare un amaro settimo posto di gruppo grazie anche ai molti ritiri. Prossima gara in programma ad inizio Agosto in Finlandia.

N.M.B.

 

  • shares
  • Mail