GP Cina F1: prima pole per la Mercedes dal 1955, con gomme Pirelli

mercedes

Al suo 111° impegno in Formula 1, Nico Rosberg ha conquistato la prima pole position della carriera, ma anche la prima partenza al palo della Mercedes dal Gran Premio d'Italia del 1955, ottenuta dal mitico Juan Manuel Fangio. L'altro pilota della "stella", Michael Schumacher, affiancherà il compagno di squadra sulla linea dello start, in seconda posizione. Entrambi monteranno i Pirelli P Zero Yellow soft.

Rosberg ha completato un solo giro nell’ultima sessione di qualifica, conservando così un ulteriore set di gomme morbide per la gara odierna. Tutte e tre le sessioni per definire la griglia sono state estremamente combattute: i primi 17 piloti della Q1 erano separati da appena 0"8, mentre soli 0"2 separavano i top 10 al termine della Q2.

I dieci che si sono contesi la finale hanno iniziato l'ultima frazione montando i P Zero Yellow soft. Lewis Hamilton è stato l'unico pilota a completare due giri ma, nonostante sia giunto secondo, oggi partirà dalla settima posizione, retrocesso per aver sostituito il cambio della sua McLaren.

Durante la prima sessione di qualifica, corsa in condizioni di asciutto con una temperatura ambientale di 21 gradi centigradi, molti drivers sono passati alle P Zero Yellow soft, incluso Jenson Button ed entrambi gli interpreti della Ferrari. Uno dei più veloci in Q1 è stato Sergio Perez, con gomme morbide.

Le due Sauber sono state anche le prime ad uscire nella seconda sessione con le stesse mescole, scelte poi da tutti i piloti per correre la Q3. La sorpresa più grande è stata, senza dubbio, l'eliminazione della Red Bull di Sebastian Vettel, partito dalla pole position negli ultimi tre Gran Premi di Cina. Il pilota tedesco scatterà dall'undicesima posizione. Questo significa che potrà scegliere su quali gomme iniziare la gara ed avrà inoltre a disposizione qualche set extra di pneumatici soft, così come il pilota della Lotus, Romain Grosjean, che non ha stabilito il tempo nella Q3.

Ecco le parole di Paul Hembery, direttore Motorsport Pirelli: "Vorrei congratularmi con Rosberg, Schumacher e la Mercedes per il risultato conseguito nel sabato di Shanghai. Il modo in cui hanno usato le gomme è stato impeccabile. I tempi ravvicinati dei piloti nelle prime due sessioni hanno dimostrato l'elevata competizione che possiamo aspettarci in gara, con la differenza tra le due mescole che si aggira intorno ai 0"6-0"8 al giro e con due/tre pit-stop previsti per macchina".

"Ancora una volta -aggiunge l'ingegnere britannico- il team Sauber ha fatto un ottimo lavoro con le gomme e il quarto miglior tempo nelle qualifiche di Kamui lo dimostra. Il degrado in Cina è tradizionalmente molto elevato: le squadre hanno chiaramente cercato di risparmiare gli pneumatici dove potevano e la strategia si preannuncia cruciale nella giornata di oggi. La probabilità di pioggia è bassa, ma la pista potrebbe essere un po' umida al mattino".

Via | Pirelli.com

  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: