GP Cina F1: vince Rosberg davanti alle McLaren

rosbmerc

Nico Rosberg vince il Gran Premio di Cina di Formula 1, che si è appena concluso sulla pista di Shanghai. Il pilota tedesco della Mercedes, grazie a una gara impeccabile, conquista il suo primo successo nella massima categoria del motorsport. Dietro di lui Jenson Button e Lewis Hamilton, autori di una bella performance con la McLaren. Quarto posto per Mark Webber, seguito da Sebastian Vettel, Romain Grosjean, Bruno Senna, Pastor Maldonado e Fernando Alonso, nono con la Ferrari, davanti alla Sauber di Kamui Kobayashi.

Al semaforo verde la Mercedes di Rosberg scatta molto bene, mentre quella di Schumacher ha uno sprint un po' meno felice. Le due monoposto della "stella" conservano il comando ed è un bel segnale. Buono l'avvio delle McLaren di Button ed Hamilton, che guadagnano terreno e si portano in terza e quinta posizione. Fra i due c'è Raikkonen, con la Lotus.

Sesta piazza per Perez, seguito da Kobayashi, Alonso, Webber e Massa, ultimo della top ten di questa fase inaugurale dell'appuntamento della Grande Muraglia. Note infelici, al primo giro, per Vettel, scivolato al quattordicesimo posto, ma ci sarà tempo per recuperare, anche se il tedesco comunica ai box dei problemi alla sua vettura.

Le "frecce d'argento", intanto, conducono le danze in modo autorevole, segnando il ritmo, ma la corsa è solo all'inizio e tante cose possono ancora succedere. Al sesto giro una sosta a sorpresa, quella di Webber, che cambia le gomme quando nessuno se lo aspetta. Gli inseguitori avanzano di un gradino nella classifica provvisoria, ma altri cambiamenti avverranno presto.

Al decimo giro si ferma Vettel, per il suo pit stop. Qualche secondo prima era toccato a Kobayashi. Poi rientrano Raikkonen ed Hamilton, che deve cedere la sua posizione a Webber. Arriva anche il turno di Schumacher e Alonso. Le cose non vanno bene per l'asso di Kerpen, il cui ritiro è annunciato dal gesto di disperazione di un meccanico al momento della ripartenza.

Poco dopo l'uscita dalla pitlane, infatti, il Kaiser parcheggia mestamente, per un errore di quell'uomo che sbatteva le mani per terra, dopo aver montato male una ruota. Per fortuna va meglio a Rosberg, che rientra qualche minuto dopo. Il tedesco, nei giri successivi, riprende la testa della corsa, davanti a Massa, che deve ancora fermarsi.

Alle loro spalle ci sono Button, Hamilton, Webber, Raikkonen ed Alonso. Cambia le gomme, intanto, il brasiliano di Maranello, che cede terreno a chi gli stava dietro. Poi tocca a Webber recuperare la corsia dei box, per la seconda sosta, che apre un nuovo valzer di pit stop. Nico Rosberg continua a custodire il comando delle danze e sembra lanciato verso la prima vittoria della sua carriera nel Circus.

Quando il Gran Premio supera la metà dello svolgimento i tempi sembrano abbastanza equilibrati. Le sorti della sfida cinese si decideranno negli ultimi venti passaggi, che chiameranno i piloti a dare il meglio delle loro doti per emergere, anche se il leader può affrontare con relativa serenità la sfida, per il vantaggio che si è costruito.

Al trentasettesimo passaggio Rosberg rientra ai box, aprendo un'altra tornata di pit stop. Button passa al comando, ma poi si ferma, per una sosta con qualche problema per lui. Poco dopo Alonso finisce sullo sporco e perde terreno. Al comando torna il giovane tedesco della Mercedes, con un margine importante sugli inseguitori. Le vie della gloria sembrano spalancate per lui.

Alle sue spalle ci sono Raikkonen e Vettel, terzo grazie al gioco delle strategie. Nel corso del quarantanovesimo giro la classifica si aggorna, con il campione del mondo in carica che passa in piazza d'onore, seguito da Button. Raikkonen perde vistosamente terreno e spalanca la porta agli altri colleghi. Il pilota finlandese della Lotus scivola nelle retrovie, dopo una gara nei piani alti. Un calo prestazionale davvero incredibile per lui, ma è nell'ordine delle cose.

A cinque giri dalla fine c'è ancora un cambiamento al vertice, con Button che supera Vettel, per portarsi al secondo posto. L'inglese della McLaren è molto veloce, ma il capofila è lontano. Forse le cose potevano andare in modo diverso senza i problemi accusati ai box. Nella fasi conclusive Hamilton scavalca il campione del mondo in carica, aggiungendo un altro tocco di emozioni a una sfida molto animata. L'ultima sopresa è lo splendido sorpasso di Webber su Vettel, che porta l'australiano a ridosso del podio.

Gli onori della gloria vanno a Rosberg, che centra il suo primo sigillo in Formula 1. Giornata importante anche per la Mercedes, il cui ultimo trionfo nel mondo dei Gran Premi risaliva al 1955. Per la Ferrari una prova poco esaltante, con due magri risultati: un nono e un trediscesimo posto. Alonso scivola sul gradino più basso del podio nella classifica conduttori, alle spalle Hamilton e Button. McLaren in testa fra i costruttori.

GP Cina F1, ordine d'arrivo:

01. Rosberg Mercedes 1h 36:26.929
02. Button McLaren-Mercedes + 20.626
03. Hamilton McLaren-Mercedes + 26.012
04. Webber Red Bull-Renault + 27.924
05. Vettel Red Bull-Renault + 30.483
06. Grosjean Lotus-Renault + 31.491
07. Senna Williams-Renault + 34.597
08. Maldonado Williams-Renault + 35.643
09. Alonso Ferrari + 37.256
10. Kobayashi Sauber-Ferrari + 38.720
11. Perez Sauber-Ferrari + 41.066
12. Di Resta Force India-Mercedes + 42.273
13. Massa Ferrari + 42.700
14. Raikkonen Lotus-Renault + 50.500
15. Hulkenberg Force India-Mercedes + 51.200
16. Vergne Toro Rosso-Ferrari + 51.700
17. Ricciardo Toro Rosso-Ferrari + 1:03.100
18. Petrov Caterham-Renault + 1 giro
19. Glock Marussia-Cosworth + 1 giro
20. Pic Marussia-Cosworth + 1 giro
21. De la Rosa HRT-Cosworth + 1 giro
22. Karthikeyan HRT-Cosworth + 2 giri
23. Kovalainen Caterham-Renault + 3 giri

Classifica piloti:

01. Lewis Hamilton (McLaren) 45
02. Jenson Button (McLaren) 43
03. Fernando Alonso (Ferrari) 37
04. Mark Webber (Red Bull) 36
05. Sebastian Vettel (Red Bull) 28
06. Nico Rosberg (Mercedes) 25
07. Sergio Pérez (Sauber) 22
08. Kimi Räikkönen (Lotus) 16
09. Bruno Senna (Williams) 14
10. Kamui Kobayashi (Sauber) 9
11. Romain Grosjean (Lotus) 8
12. Paul Di Resta (Force India) 7
13. Pastor Maldonado (Williams) 4
14. Jean-Éric Vergne (Toro Rosso) 4
15. Nico Hülkenberg (Force India) 2
16. Daniel Ricciardo (Toro Rosso) 2
17. Michael Schumacher (Mercedes) 1
18. Charles Pic (Marussia) 0
19. Timo Glock (Marussia) 0
20. Narain Karthikeyan (Hispania) 0
21. Heikki Kovalainen (Caterham) 0
22. Felipe Massa (Ferrari) 0
23. Pedro de la Rosa (Hispania) 0
24. Vitaly Petrov (Caterham) 0

Classifica costruttori:

01. McLaren-Mercedes 88
02. Red Bull-Renault 64
03. Ferrari 37
04. Sauber-Ferrari 31
05. Mercedes 26
06. Lotus-Renault 24
07. Williams-Renault 18
08. Force India-Mercedes 9
09. Toro Rosso-Ferrari 6

Via | Eurosport.com

  • shares
  • +1
  • Mail
49 commenti Aggiorna
Ordina: