Civm: sfida in corso alla Monte Erice 2012

monte

Mentre sta andando in scena la doppia gara della Monte Erice, seconda tappa del Campionato Italiano Velocità Montagna 2012, facciamo il quadro della situazione dopo le prove di ieri, dove il miglior riscontro cronometrico è stato ottenuto da Christian Merli, che non ha tardato a trovare un buon set up per la Radical Pro Sport di gruppo E2/B, con la quale ha anche osato nella seconda salita, testando soluzioni diverse.

Pronti all'assalto al vertice ci sono il pugliese Francesco Leogrande, a suo agio con la Gloria C8P, monoposto di gruppo E2/M con cui ha provato diverse regolazioni, e l'etneo Domenico Cubeda, sulla versione SR4 della Radical, già provata in assetto da gara e con buoni risultati visto il secondo tempo generale nella seconda salita.

Da tenere d'occhio il sardo Omar Magliona, leader di gruppo CN, che ha apprezzato l'assetto della sua nuova Osella PA 21/S Honda EVO. Alte le ambizioni anche di Francesco Conticelli, Rosario Iaquinta e Giuseppe D'Angelo.

Nel gruppo delle monoposto ottimi interpreti del tracciato anche due giovanissimi, come il locale Giuseppe Gullotta ed il ragusano under in carica Samuele Cassibba, entrambi sulle Formula Master. Vincenzo Conticelli ha testato l'Osella PA 30 Zytek, dopo le rivisitazioni di inizio stagione. Prima salita su una vettura sconosciuta per l'esperto ragusano Giovanni Cassibba, che ha provato per la prima volta la biposto Picchio con motore Turbo.

Fermento in gruppo GT, dove Antonio Forato si è presentato al via con la Lamborghini Gallardo in luogo della Porsche, interpretando comunque bene il tracciato e ponendosi come riferimento per il gruppo. Esordio in CIVM per il siracusano Ignazio Cannavò alla guida dell'impegnativa Ferrari F430. Riferimento per il gruppo E1 è stato il teramano Marco Gramenzi, con un feeling crescente al volante della prestante Alfa 155 V6 ex DTM, ma Fulvio Giuliani ha testato varie soluzioni per la sua Lancia Delta EVO in vista delle due gare odierne, per le quali sembra aver individuato una strategia precisa.

Via | Acisportitalia.it

  • shares
  • +1
  • Mail