Civm: si sbarca in Friuli per la Verzegnis-Sella Chianzutan

merli

Si avvicina l'appuntamento con la 43 ͣ cronoscalata Verzegnis-Sella Chianzutan, quarta tappa del Campionato Italiano Velocità Montagna 2012, che si è svolto all'insegna dell'incertezza, con la possibilità per diversi pretendenti al successo di esprimersi con ottimi acuti, a seconda delle mutevoli condizioni di gara.

Il ricco programma della sfida carnica, organizzata dalla Scuderia Friuli, si aprirà con le verifiche di venerdì 25 maggio. Nella giornata di sabato i concorrenti potranno effettuare due salite di prove cronometrate sui 5.640 metri di percorso, al volante delle vetture da gara. L'inizio della battaglia finale è previsto per le 9.30 di domenica 27 maggio, quando scatterà la prima manche, seguita dalla seconda.

Tra le monoposto del gruppo E2/M torna in gara il plurititolato Simone Faggioli, reduce dalla quarta vittoria in campo europeo al volante dell'Osella FA 30 Zytek, con la quale il fiorentino della Best Lap ha vinto la Coppa Nissena, portandosi immediatamente al terzo posto nel tricolore.

Toccherà al trentino Christian Merli, con l'agile e meno potente Radical Prosport di gruppo E2/B da 1.6 litri, difendere la leadership assoluta e di gruppo, ma tra i due incombe sempre più il sardo Omar Magliona, in testa al gruppo CN con tre successi consecutivi, ben assecondato dalla nuova Osella PA 21/S Honda EVO.

Da tenere d'occhio anche Rosario Iaquinta, Francesco Conticelli, Michele Camarlinghi, Tiziano Ferrais, Franco Cinelli, Giovanni Cassiba e tutti gli altri. In gruppo GT si profila un duello fra il trevigiano della Rubicone Corse Antonio Forato, che tornerà sulla Porsche 911 Gt Cup, e il siracusano Ignazio Cannavò, sempre più in sintonia con la Ferrari F430 dell'Autosport Abruzzo.

Almeno quattro i pretendenti al successo in gruppo E1, a partire dal neo entrato e subito vincente partenopeo Piero Nappi, che conterà sulla generosità dei cavalli della sua Ferrari 550, per accorciare le distanze dal leader attuale, il teramano Marco Gramenzi, seguito da vicino dal bolognese Fulvio Giuliani. Ha un credito con la buona sorte il teramano Roberto Di Giuseppe, che torna con il motore della sua Alfa 155 GTA appena rivisitato dopo il guasto di Erice.

Via | Acisportitalia.it

  • shares
  • Mail