Aston Martin invade Vallelunga




Come si trattasse di un gioco di guerra, le case costruttrici impegnate nei campionati GT sembra quasi facciano pretattica annunciando eccezionali tornate di test.
E’ il caso della Aston Martin, che ha portato a Vallelunga tutti i piloti e le DBR9, del team ufficiale e della BMS Scuderia Italia, che affronteranno le gare inserite nei calendari FiaGT, ALMS e LMS. I test sono serviti a sviluppare molte soluzioni tese a migliorare soprattutto le doti velocistiche dell’auto, a provare gli pneumatici oltre che ad aumentare l’affiatamento tra piloti e vetture. Dopotutto alla Aston Martin hanno ben chiaro quali siano i programmi per il 2006. Forti dell’esperienza maturata lo scorso anno con quattro vittorie, quest’anno la partecipazione sarà estesa a tutto il Campionato Fia GT con l’unico scopo di vincere il titolo. Chiaramente non verranno trascurati gli altri grandi impegni, proprio per questo motivo, oltre ai piloti ufficiali, sono intervenuti alle prove il rallysta Sarrazin, ben noto e stimato da David Richards, e l’australiano Jason Bright, notato dal direttore tecnico AMR George Howard-Chappel. La spiegazione potrebbe essere quella di schierarli tra le fila dei partecipanti alla 24 Ore di Le Mans, alla 12 Ore di Sebring e ad altri eventi.

[Via: lmsr.net]

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: