GP Europa F1: la gara di Valencia vista da Pirelli

Fernando Alonso, con il successo conseguito ieri nel Gran Premio d'Europa di Formula 1, è il primo pilota ad aver vinto due gare nella stagione 2012. Lo spagnolo della Ferrari, grazie al risultato di Valencia, recupera la testa del campionato conduttori, con 20 punti di vantaggio su Mark Webber, suo diretto inseguitore.

Il driver di Oviedo, scattato dall'undicesima piazza in griglia, si è reso protagonista di una gara emozionante, condotta tutta all'attacco. La sua grinta gli ha permesso di recuperare terreno su chi lo precedeva, con due brevi stint su pneumatici P Zero Yellow soft ed uno stint più lungo di 29 giri sui P Zero White medium.

Diverso il destino di Sebastian Vettel. Il pilota della Red Bull aveva un vantaggio di 20 secondi dopo essere partito in pole, quando è entrata la safety car a metà gara. A quel punto ha effettuato una sosta, optando per un set di medie dopo due stint sulle gomme soft, rientrando in testa alla gara. Ma, poco dopo la ripartenza, un problema tecnico lo ha costretto al ritiro lasciando all'eroe di casa la prima posizione.

L'asso spagnolo ha effettuato a sua volta un pit stop, approfittando della safety car, per montare l’ultimo set di gomme medie. Simile la strategia di Romain Grosjean che, con la sua Lotus, era in una posizione di forza per sfidare la Ferrari prima di dover uscire di scena, anche lui per un problema tecnico al 40° passaggio. La composizione del podio si è decisa solo negli ultimi giri, dopo un finale imprevedibile caratterizzato da incidenti e sorpassi.

Kimi Raikkonen è salito sul secondo gradino del podio, seguito da Michael Schumacher con la Mercedes. Anche il finlandese ha approfittato dell’entrata della safety car per montare il suo ultimo set di pneumatici, mentre Schumacher ha adottato una strategia diversa. Il terzo posto del Kaiser rappresenta il suo miglior risultato dell'anno e il primo podio dal suo rientro in F1, dopo una rimonta spettacolare negli ultimi giri con le gomme morbide. Ancora una volta, tre diverse monoposto e tre diversi costruttori di motori sono saliti sul podio, occupato da tre campioni del mondo.

Via | Pirelli.com

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: