Jean Todt (2): "La McLaren ha tradito un accordo di reciproca fiducia"

todttwo

Il manager delle “rosse”, dopo lo sfogo sull’incredibile sentenza del Consiglio Mondiale, passa a svelare alcuni retroscena della spy story: “Alcune settimane dopo la gara di Melbourne, in occasione di una riunione, quelli della McLaren mi proposero di raggiungere una sorta di accordo per stabilire migliori rapporti fra le due squadre evitando eventuali reciproche denunce all'autorità sportiva. Gli risposi che mi era impossibile crederci perché tante volte avevamo visto che certi impegni erano sempre stati disattesi da parte loro. Ci fu uno scambio di opinioni e, volendo credere che alla fine ciò fosse possibile, acconsentii a siglare, il 9 giugno scorso, questo accordo".

"Per tutto quel periodo e anche dopo la McLaren era perfettamente a conoscenza non soltanto delle e-mail mandate dal nostro delatore ma anche del fatto che il loro chief designer era rimasto in contatto con lui ed aveva ricevuto e continuava ad essere in possesso di un ingente quantitativo di informazioni tecniche di nostra proprietà. Quindi, da una parte ci veniva detto ‘fidiamoci l'uno dell'altro’, dall'altra si nascondevano certi fatti gravissimi come quelli sopra citati, ben guardandosi di informarci come avrebbe richiesto lo spirito e la lettera dell'accordo”.

Via | Gazzetta.it

  • shares
  • Mail
19 commenti Aggiorna
Ordina: