GP Germania F1: la sfida di Hockenheim in chiave Pirelli

Durante le prove libere del Gran Premio di Germania di Formula 1 farà il suo debutto in pista l'ultima evoluzione dello pneumatico Pirelli P Zero Silver hard. Lo sbarco sul campo operativo era in realtà previsto per le libere di Silverstone, ma la pioggia ha fatto posticipare l'appuntamento.

Dunque, nelle prime prove di Hockenheim i piloti avranno a disposizione, oltre alla mescola media P Zero White e alla mescola morbida P Zero Yellow, due set del nuovo pneumatico, in aggiunta alla loro normale allocazione di 11 set.

Quello in cui andrà in scena il confronto all'orizzonte è uno dei tre circuiti di quest'anno "sconosciuti" a Pirelli, insieme al Bahrain e agli Stati Uniti. L'azienda italiana ha acquisito informazioni sull'impianto grazie alla serie GP3, di cui è stato fornitore nel 2010, ma nessun pneumatico P Zero di Formula 1 ha mai girato su questo tracciato.

Tuttavia, con l'aiuto di simulazioni al computer e di tecniche di calcolo matematico, i tecnici del gruppo milanese sanno bene cosa dovranno affrontare durante il fine settimana.

Hockenheim – in passato uno dei circuiti più veloci del mondo – è ora caratterizzato da alcuni lunghi rettilinei combinati con sezioni molto più lente e tecnicamente più complesse. Ciò richiede un set-up molto versatile e anche le coperture devono fare i conti con una gamma estremamente ampia di velocità e condizioni. Ottenere una buona trazione su tutte le curve lente e a media velocità è la chiave per ottenere un giro veloce. Le gomme giocano un ruolo fondamentale in questo. Ci sono anche aree di forte frenata, con gli pneumatici chiamati ad assorbire fino a 5g di decelerazione.

Via | Pirelli.com

  • shares
  • Mail