GP Singapore F1, Alonso punta a una prestazione brillante con la Ferrari

fernando alonso

Il Gran Premio di Singapore di Formula 1 è ormai dietro l'angolo. Solo pochi minuti ci separano dalla prima sessione di prove libere della sfida di Marina Bay, che andrà in scena in notturna. Sul circuito orientale la Ferrari festeggerà la partnership con Shell, giunta a quota 500 corse.

Non sarà questo, però, il tema dominante del weekend, perché l'attenzione di tutti sarà concentrata su Fernando Alonso, il cui terzo posto di Monza gli ha permesso di incassare l'80° podio della sua carriera, eguagliando così il record personale di Ayrton Senna. Dal pilota spagnolo gli appassionati si aspettano una prestazione ancora una volta luminosa, per contrastare l'avanzata di una McLaren particolarmente in forma nelle ultime tre corse.

Fernando farà il possibile per soddisfarli: "Il nostro obiettivo è quello di lottare per la pole e per la vittoria. Siamo stati competitivi a Monaco e in Canada, entrambi circuiti simili a questo, dunque l'ottimismo non manca. Sappiamo quanto sia importante una buona posizione in griglia qui, ecco perché le qualifiche avranno un ruolo centrale".

"Quello di Marina Bay -aggiunge l'asturiano di Maranello- è un tracciato impegnativo, in cui non c'è spazio per errori. In questo somiglia a Monaco. E' necessario prendere dei rischi, trovare i propri limiti, ma senza commettere alcun errore. In altri circuiti, nel caso di un'uscita sull'erba in una curva nelle prove libere, si perde soltanto la prestazione sul giro, qui invece l'intera sessione. E' un circuito impegnativo fisicamente, perché è una gara lunga che si svolge con caldo ed umidità elevata, ma anche probante dal punto di vista mentale, a causa dello stress di non poter commettere errori per tutto il weekend".

In una fase in cui si rincorrono le voci sul destino professionale del suo compagno di squadra, Alonso esprime la sua ammirazione per Massa: "Lavoro con Felipe da ormai tre anni e abbiamo un buon rapporto. Se il team decidesse di ingaggiare un nuovo pilota per il prossimo anno, dovrà essere necessariamente migliore di lui. Analizzando tutti i nomi ipotizzati dai media come possibili sostituti, non so se ci si rende conto di quanto il mio compagno abbia fatto in Formula 1 rispetto a loro".

Via | Ferrari.com
Foto | © TM News

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO