12 Ore di Sebring, partenza sempre più vicina

audi_1

L'esito delle prove di qualificazione per la 12 Ore di Sebring ha il sapore di una beffa per la Peugeot. La casa francese, pur avendo realizzato il passaggio più rapido, sarà costretta a partire dalla seconda posizione. Un vero colpo al cuore per il management del Leone Rampante, che cominciava a respirare un clima favorevole in vista della maratona americana (che partirà alle 10.05, ora locale, di domani).

A pochi minuti dall'inizio, Stéphane Sarrazin, con l’unica 908 HDi FAP®, segnava il tempo di 1'43"117, che lo poneva in cima alla classifica provvisoria. Alle sue spalle Alan McNish e Lucas Luhr che, con le loro Audi R10 TDi, non facevano meglio di 1'43"765 e 1'44"291. Ma la terribile uscita di pista di una Mazda costringeva i commissari ad annullare la prestazione del pilota Peugeot, proprio quando Sarrazin stava per iniziare il secondo passaggio.

La chiusura della sessione, con la bandiera rossa esposta a nove minuti dall'avvio delle ostilità, ha invalidato i tempi. A quel punto, ai sensi del regolamento vigente, mancavano solo sessanta secondi prima che i rilievi potessero essere certificati. Un "misero" minuto ha quindi privato la Peugeot di una pole importante.

La casa francese si è rifatta durante l'ultima sessione in notturna, dove ha regolato le auto dei quattro anelli. Ma è una magra consolazione per una squadra che cercava la pole a tutti i costi. La griglia di partenza terrà conto solo dei tempi ottenuti nelle prove libere precedenti.

Ecco la parte alta dello schieramento:

01. Audi N°1 (Capello/McNish/Kristensen) 1'43"195
02. Peugeot 908 HDi FAP (Lamy/Minassian/Sarrazin), 1'44"271
03. Audi N°2 (Luhr/Rockenfeller/Werner) 1'45"090
04. Porsche N°7 (Dumas/Bernhard/Collard) 1'45"220
05. Porsche N°6 (Maassen/Long/Briscoe) 1'45"999

Via | Paddock.it

  • shares
  • Mail
22 commenti Aggiorna
Ordina: