E la Mc Laren in tanto paga i suoi vecchi misfatti. Letteralmente.

McLareb pagherà 60 milioni di dollari per la Spy Story alla commisione FIA, della quale farà parte anche Schumacher
Destino vagamente beffardo per la McLaren che di recente ha pagato 60 milioni di dollari al termine dei procedimenti penali legati alla vicenda che ha tenuto banco dall'estate del 2007: la Spy Story. Infatti oggi possiamo dire che la multa del team di Woking sarà amministrata dai...ferraristi!

Si perchè se si legge la lista dei membri che la Fia (Federazione Automobilistica Internazionale) ha scelto per gestire la sanzione comminata al team di Woking per la vicenda della spy-story, si scopre che tra gli "esperti" ci sono Michael Schumacher, storico rivale delle Frecce d'argento, e Jean Todt, anima dei successi del Cavallino negli ultimi 15 anni.

La cifra versata (che equivale a 38,2 milioni di euro) - e che è frutto della condanna per aver acquisito informazioni sottratte alla Ferrari, insieme alla cancellazione dei punti ottenuti nel Mondiale costruttori 2007 - verrà gestita da una commissione che si occuperà del Fondo per lo sviluppo della sicurezza negli sport motoristici.

Commissione che, oltre a Schumi e Todt, ha nella sua lista Max Mosley, presidente della Fia stessa, Nick Craw, rappresentante delle Federazioni nazionali, e anche Norbert Haug, numero uno della Mercedes Motorsport. Il denaro verrà utilizzato nell'arco dei prossimi 5 anni

via | Gazzetta

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina: