Pioggia e fango in Turchia per la prima tappa dell'IRC


Contrariamente alle previsioni meteo gli equipaggi impegnati questo week end nell'Istanbul Rally, prova di apertura dell'Intercontinental Rally Challenge, troveranno un fondo molto allentato dalle piogge abbondanti che minacciano di ripetersi anche domani.

Dopo le ricognizioni gli equipaggi che affronteranno una vasta varietà di superfici si preparano ad affrontare un rally in cui i possibili temporali potrebbero giocare un ruolo fondamentale: "Il guado della prima speciale, che viene ripetuto per più volte, potrebbe causare problemi a qualcuno. Devi sapere esattamente come affrontare l'acqua ed è molto scivoloso, per niente facile. Se piove sarà ancora più difficile", ipotizza Freddy Loix che debutterà al volante della Peugeot 207 S2000 di Peugeot Sport Belgio.

Anche Anton Alen, che l'anno scorso in Turchia rimase in testa al rally quasi fino alla fine prima di veder sfumare la vittoria per problemi ai freni, riconosce le difficoltà del percorso: "In alcuni punti c'è veramente poco grip e ciò significa che bisogna fare molta attenzione a non perdere la traiettoria perchè è molto facile commettere errori", ammette il pilota Abarth.

Secondo Jean-Pierre Nicolas, Motorsport Development Manager dell'IRC che ieri ha effettuato un check "le strade sono molto scivolose rispetto allo scorso anno, ma sono ancora magnifiche. Le superfici non sono completamente pericolose per le auto, sono morbide e consentono ai piloti di giocare con la macchina. Ci sono anche molte variazioni, con sterrati sia duri che morbidi ed è molto divertente guidare".

Qui la entry list.

Via | IRC

  • shares
  • +1
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: