Al Passo dello Spino tra auto d'epoca e moderne

cronoscalata_spino

A pochi giorni dal primo dei due appuntamenti con la 36ª edizione della cronoscalata automobilistica Pieve Santo Stefano-Passo dello Spino, i numeri che contano cominciano a concretizzarsi. Sono infatti 120 gli iscritti che sabato 10 e domenica 11 maggio si daranno battaglia nella quarta prova del campionato italiano della montagna (CIM) per le auto storiche, suddivise in tre raggruppamenti.

Ci sono pertanto elevate probabilità che il totale dei partenti si attesti attorno a quota 150, come è negli auspici di Scuderia Etruria e della Pro-Spino Team. Scontata la partecipazione di tutti i migliori “driver”, a cominciare dal fiorentino Giuliano Peroni su Osella Pa 3 nel II Raggruppamento. Il campione tricolore del Trofeo Salita Hr Bc 2000 è oltretutto l’unico che finora ha calato il tris di assoluti nelle gare di Radicondoli, Cortona e Orvieto, mentre nel III Raggruppamento il successo se lo sono “spartiti” le Osella Pa 9 di David Baldi, Daniele Grazzini e Marco Naldini, con il senese Uberto Bonucci sempre piazzato.

A questi grandi favoriti bisogna aggiungere gli altri campioni uscenti, destinati a recitare un ruolo da protagonisti anche per gli esemplari a quattro ruote che sfoggeranno allo Spino: Ranieri Fumi su Porsche 911, Paolo Carlo Brambilla su Fiat Abarth 750, Franco Chiavaccini su Alfa Romeo Gt Junior, Walter Bastini su Mini Marcos, Antonio Meoni su Abarth 1000 OT Coupé, “Dennis Hulme” su De Tomaso Mangusta, Giuseppe La Rocca su Alfa Romeo Giulia Super, Vito Dolce su Porsche 911, Aldo Panfili su Fiat X 1/9 e Alvaro Bartoli su Fiat 128.

Una sessantina, per ora, gli iscritti alla salita del 17 e 18 maggio nella prova delle vetture moderne, la terza del campionato italiano di velocità in montagna (CIVM), che nello scorso fine settimana ha vissuto la seconda e ultima tappa sicula con lo svolgimento della Coppa Nissena. Fra le anticipazioni relative ai “big”, la più significativa del momento concerne il “sì” di Denny Zardo, trionfatore allo Spino nel 2005. Il forte 31enne trevigiano, che alterna la pista con la salita dimostrando “stoffa” su entrambi i fronti, verrà a Pieve con la Reynard motorizzata Mugen che ha dominato a Rechberg nella prova dell’Europeo 2008 della montagna.

Via |Ufficio Stampa Pro-Spino Team

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: