Gp Turchia, vince Massa davanti ad Hamilton

massa_78

Felipe Massa è stato di parola, dando concretezza al suo desiderio di raccogliere una tripletta nel Gran Premio di Turchia. Per lui quello di oggi è il terzo successo consecutivo sulla pista dell'Istanbul Park, dove riesce ad esprimersi con grande naturalezza. Ma andiamo all'analisi della sfida, iniziando dal via. Il brasiliano scatta bene e conserva senza difficoltà il vertice della gara. Ben diversa la partenza del campione del mondo Kimi Raikkonen, che scivola in sesta posizione, preceduto da Lewis Hamilton, Robert Kubica, Heikki Kovalainen e Fernando Alonso.

Nelle retrovie c'è subito un lungo della Force India di Giancarlo Fisichella, che coinvolge la Williams di Kazuki Nakajima. Per agevolare la rimozione della monoposto dell'italiano entra in pista la safety car. I bolidi del Circus si accodano, in attesa della ripartenza. Alla ripresa delle danze Massa, con la Ferrari, continua ad amministrare la corsa con un certo vantaggio sulla McLaren di Hamilton e sulla Bmw-Sauber di Robert Kubica, che rimpiazza Kovalainen in terza posizione. Il finlandese del team di Woking, dopo il rientro al box per cambiare il muso della sua vettura, finisce addirittura in coda al gruppo.

Raikkonen, che nel frattempo supera Alonso, torna così in quarta posizione. Al sedicesimo passaggio la situazione di testa è inalterata, ma Hamilton imbocca la via del rifornimento, effettuato pochi passaggi prima anche dall'asturiano della Renault. Una dimostrazione tangibile della leggerezza delle loro monoposto, che avevano imbarcato meno carburante dei rivali. Raikkonen, che naviga dietro Kubica, si trova a otto secondi dalla linea di testa. Dopo la prima tornata di pit stop la situazione vede Massa ancora al comando, ma il brasiliano non riesca a capitalizzare i tre giri in più percorsi con l'iniziale treno di gomme. Anzi, in questa fase, perde due secondi preziosi.

Dagli specchietti vede avvicinarsi velocemente la sagoma della McLaren di Hamilton, che lo supera, guadagnando il comando della corsa. Raikkonen supera Kubica nella pit-lane, agganciando la terza posizione, a nove secondi dal vertice. Hamilton sembra ormai in fuga, con un ritmo impossibile per le "rosse", staccate rispettivamente di 6 e 15 secondi. Ma è un bluff, perché l'inglese ha imbarcato pochissima benzina, cosa che lo costringe a un rapido rientro ai box. Massa recupera ancora la prima piazza, con 9 secondi su Raikkonen e 12 su Hamilton. A tredici giri dalla conclusione l'alfiere della McLaren esce dall'ultimo pit stop davanti a Raikkonen, insediandosi definitivamente in seconda posizione, alle spalle di Massa, che vince il Gran Premio.

GP Turchia, classifica finale:

01. F. Massa Ferrari 1h26'49"451 213.000 Km/h
02. L. Hamilton McLaren Mercedes +00'03"7 (3 pit-stop)
03. K. Raikkonen Ferrari +00'04"2 (2 pit-stop)
04. R. Kubica BMW Sauber +00'21"9 (2 pit-stop)
05. N. Heidfeld BMW Sauber +00'38"7 (2 pit-stop)
06. F. Alonso Renault +00'53"7 (2 pit-stop)
07. M. Webber Red Bull - Renault +01'11"4 (2 pit-stop)
08. N. Rosberg Williams-Toyota +01'15"2 (2 pit-stop)
09. D. Coulthard Red Bull - Renault +01'16"3 (2 pit-stop)
10. J. Trulli Toyota + 1 Giro (2 pit-stop)
11. J. Button Honda + 1 Giro (2 pit-stop)
12. H. Kovalainen McLaren Mercedes + 1 Giro (3 pit-stop)
13. T. Glock Toyota + 1 Giro (2 pit-stop)
14. R. Barrichello Honda + 1 Giro (2 pit-stop)
15. N. Piquet Jr. Renault + 1 Giro (2 pit-stop)
16. A. Sutil Force India-Ferrari + 1 Giro (3 pit-stop)
17. S. Vettel Toro Rosso-Ferrari + 1 Giro (4 pit-stop)
18. S. Bourdais Toro Rosso-Ferrari out @ lap 27 incidente
19. K. Nakajima Williams-Toyota out @ lap 01 incidente
20. G. Fisichella Force India-Ferrari out @ lap 01 incidente

Foto | F1grandprix.it

  • shares
  • Mail
59 commenti Aggiorna
Ordina: