Raikkonen pronto alla sfida del Principato: "Monaco è la Gara"

kimi_raikkonen_11

Kimi Raikkonen comanda la classifica mondiale con 35 punti, ma per lui è importante guardare avanti, perché il Campionato si vince a fine anno. I prossimi appuntamenti potrebbero essere cruciali per accumulare una buona riserva sugli avversari, alleggerendo la tensione nella fase finale della stagione. Ecco perché il finlandese non si risparmierà nelle tappe più imminenti dove, come sempre, cercherà di ottenere i risultati migliori.

Raikkonen non vede l'ora di correre a Montecarlo, dove si svolgerà la sfida più glamour dell'anno: "Quella del Principato è la gara per antonomasia, la più leggendaria di tutte le battaglie. La mia vittoria nel 2005 è tra le più memorabili. Vincere ancora sarebbe veramente speciale. Per me tutte le gare sono importanti, ma non c'è niente come Monaco. Gareggiare in quella cornice è differente rispetto a tutti gli altri posti e, per questo motivo, non è facile avere un week-end senza problemi".

Per coronare il sogno del successo è necessario che il pacchetto funzioni al meglio, come mette in evidenza lo stesso campione del mondo in carica: "Non c'è miglior sensazione di quando le cose filano lisce a Monaco. Se riesci a sistemare tutto, capisci che emozioni ti può dare vincere questo Gran Premio. E' fondamentale partire davanti. Fare bene in qualifica è sempre importante, ma a Monaco è una priorità. Superare è praticamente impossibile e, per fare bene, devi necessariamente scattare davanti. Personalmente gareggio sempre per vincere e per partire in pole position. E' la miglior opzione per puntare alla vittoria".

Un obiettivo che quest'anno potrebbe diventare possibile, alla luce dei progressi compiuti dalle "rosse" in analoghe condizioni ambientali. Dai test di Le Castellet sono infatti arrivati dei riscontri incoraggianti, che regalano una buona dose di fiducia a Raikkonen. Ma l'esito della gara potrebbe essere molto incerto, non solo per la delicatezza della guida senza traction control.

Dice l'alfiere del team di Maranello: "Quella di Montecarlo è tra le sfide più aperte della stagione. Penso che la Ferrari sarà competitiva e dovrà vedersela ancora una volta con McLaren e BMW. Lo scorso anno abbiamo ottenuto un solo punto e la sensazione dopo la gara non era il massimo. Alla fine, però, quel punto è stato prezioso. Adesso è inutile pensare alla classifica. Penso che avremo un'idea più chiara dopo le prossime due gare". A quel punto si potranno fare delle previsioni più accurate sul prosieguo di stagione.

Via | Eurosport.com

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: