Raikkonen fa la diagnosi e dice: "Bisogna reagire senza isterismi"

kimi raikkonen

Kimi Raikkonen non ha dimenticato la domenica da incubo vissuta a Silverstone, ma l'alfiere del "cavallino rampante" non si perde d'animo. In fondo la F2008 è un'ottima monoposto, che regala delle splendide garanzie per il prosieguo di stagione. L'importante è non perdere la calma, evitando di lasciare spazio al nervosismo o all'ansia incontrollata di rivincita. Il finlandese sa come reagire ed ha un bel carattere, per questo riesce a conservare un invidiabile equilibrio psicologico.

Riferendosi all'ultimo appuntamento iridato, dice: "Non abbiamo vinto in Gran Bretagna ma, almeno per quanto mi riguarda, non ho perso troppo terreno. Sicuramente è stata ancora una gara molto difficile. Non ci aspettavamo che la pioggia riaumentasse d'intensità subito dopo il nostro pit-stop, invece così è stato e ci siamo trovati nella peggior situazione possibile per nove interminabili giri. Non credo di aver mai guidato una Formula 1 in condizioni così problematiche".

Visto come si erano messe le cose, si può dire che Raikkonen è riuscito a limitare i danni, salvando la bandiera: "Considerato tutto quello che è successo, sarebbe potuta andare peggio. Avevamo la velocità per vincere, questo è indubbio, ma abbiamo preso una decisione sbagliata. Ne avevamo parlato via radio con il muretto e ritenevamo, in base alle previsioni, che la pioggia non sarebbe durata più di qualche minuto. Così abbiamo scelto di tenere lo stesso treno di gomme. Invece le previsioni non sono state confermate dai fatti e ho dovuto rallentare tantissimo quell'acquazzone è sembrato durare in eterno".

Adesso bisogna cambiare registro, evitando di ripetersi in errori strategici che giovano solo agli avversari. Per questo occorre rimanere lucidi e tranquilli, come sottolinea lo stesso campione del mondo in carica: "Dobbiamo guardare avanti alla prossima gara e reagire senza isterismi. Sappiamo di avere una macchina vincente, dobbiamo sperare di avere un fine settimana senza grandi problemi. Da oggi (ieri, ndr.) sono a Hockenheim per due giorni di test, con Felipe che sarà in pista giovedì. E' il mio esordio con la Ferrari su questo circuito, quindi una nuova esperienza. Penso che saremo competitivi perché la F2008 ha dimostrato di esserlo dovunque quindi, potremo prenderci la rivincita".

Quella stessa rivincita che si attendono tutti i tifosi, guidati dal presidente Luca Cordero di Montezemolo.

Via | Eurosport.com

  • shares
  • Mail
16 commenti Aggiorna
Ordina: