Motori F1, costo della fornitura Renault cresce del 150% nel 2014

L’arrivo dei nuovi motori sovralimentati da 1.6 litri, il cui debutto in Formula 1 è fissato per il 2014, sta generando preoccupazioni negli appassionati, per gli aspetti musicali di queste unità propulsive, ma anche fra i team minori, per l’incremento dei costi che si porterà dietro.

Come riporta il sito di F1 Times, in alcuni casi la spesa crescerà del 150 per cento rispetto agli esborsi attuali, come nel caso della Renault, la cui fornitura lieviterà da 7 a 18 milioni di sterline a stagione. Lo scenario in via di definizione preoccupa Bernie Ecclestone, che auspica richieste meno esose, ma l’impennata dei costi sembra ineluttabile. Ci si doveva pensare prima.

Mercedes e Ferrari saranno più economiche, ma anche per loro le richieste ai clienti aumenteranno in modo importante, toccando valori doppi di quelli attuali.

Questo trend, per quanto atteso, si sta spingendo forse troppo avanti, creando i presupposti per strangolare o per rendere ancora più difficile la vita alle piccole scuderie, costrette a fare i conti con budget risicati, che già oggi non bastano a far quadrare i conti.

Una fornitura di motori Renault potrebbe incidere sul bilancio totale di Caterham per un importo pari al 36 per cento. Così resistere è davvero difficile. Ecco perché Williams sta cercando di passare dalla casa francese alla Mercedes, nel tentativo di ridurre i costi. In quest’ottica si può leggere il passaggio della McLaren alla Honda, la cui fornitura non costerà un centesimo al team di Woking, essendo compensata dalla vistosa pubbicità sulla livrea della monoposto d’oltremanica.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail