GP Monaco F1, Maldonado: L'esperienza mi sarà d'aiuto

Due vittorie ed un insperato sesto posto rendono Pastor Maldonado decisamente tranquillo, nonostante la sua Williams FW35 renda ben meno del previsto. Il GP di Monaco gli è quindi congeniale, così come gli sono gradite le modifiche tecniche apportate alla monoposto.

2013_pastor_maldonado

Pastor Maldonado si presenta al GP di Monaco con estrema calma e fiducia, nonostante le prestazioni della sua Williams FW35 siano ampiamente inferiori a quanto ritenuto. La ragione? Il 28enne di Maracay ha finora raccolto nel Principato una vittoria in Formula Renault 3.5, un successo in GP2 ed un sorprendente sesto posto alla sua prima partecipazione in Formula 1. La gara del Principato gli è quindi congeniale. “Spero di essere più competitivo e di finire se possibile entro le prime 10 posizioni – il suo punto di vista, raccolto da Autosport –. Montecarlo è una fra le gare più strane e particolari dell’intera stagione, nonché quella in cui mi sono tolto le maggiori soddisfazioni”.

Gran parte della fiducia gli viene inoltre trasmessa dalle recenti modifiche apportate alla FW35, che lo stesso pilota descrive ora come più stabile in entrata di curva; i tecnici Williams devono tuttavia ancora risolvere la mancanza di effetto suolo ed il comportamento imprevedibile a metà curva. “E’ difficile stabilire l’influenza delle modifiche in una gara come Montecarlo” il suo commento, prima di augurarsi prestazioni simili alle Force India. Ciò di cui le FW35 continuano ad essere prive è la velocità in qualifica. “In alcune gare ho mantenuto un buon passo – prosegue Maldonado –, ma non sono comunque riuscito ad andare a punti: partivo troppo indietro”.

Pastor Maldonado è ancora alla ricerca del primo punto iridato. Ha infatti chiuso i primi due appuntamenti con altrettanti ritiri, mentre al termine dei Gran Premi di Cina, Bahrain e Spagna si è classificato rispettivamente in 14°, 11° e 14° posizione.

  • shares
  • Mail