GP di Germania: vince Hamilton davanti a Piquet

lewis hamilton

Lewis Hamilton vince un'incredibile edizione del Gran Premio di Germania di Formula 1, dove le sorprese non sono certo mancate. A partire dal secondo posto conquistato dalla Renault di Nelson Piquet Junior, al quale stava per riuscire il colpaccio, grazie a un'ardita strategia messa in campo dalle menti del team francese. Ma andiamo alla cronaca della gara.

Al via Hamilton chiude la traiettoria a Felipe Massa, scattato molto bene al verde del semaforo. Il ferrarista è costretto a rallentare e a difendersi dall'attacco di Kovalainen. Con caparbietà riesce a conservare la seconda posizione, mentre il compagno di squadra Kimi Raikkonen naviga in settima piazza, alle spalle della Bmw di Kubica, dal quale viene subito superato. Le "rosse" confermano di avere problemi di gomme nei giri iniziali, prima di trovare il loro ritmo naturale.

Kubica è già quarto al secondo passaggio, dopo i sorpassi su Trulli e Alonso. Un giro dopo Massa si trova a 2"5 dal battistrada, che recupera progressivamente terreno sull'alfiere del "cavallino rampante". Quattro tornate dopo il divario fra i due cresce a 5"5, mentre Kovalainen è a 4"1 da Massa. Più indietro il polacco della Bmw, seguito da Trulli e Raikkonen, che si riprende la sesta posizione ai danni di Alonso, approfittando del duello fra lo spagnolo e l'italiano.

Al 13° giro Hamilton è in fuga, marciando su tempi mostruosi. Basti dire che rifila da 6 a 8 decimi a Massa, che accusa un ritardo di 9 secondi dal capofila. La seconda piazza del ferrarista è comunque blindata. Raikkonen milita a 22" dal vertice. Se le cose resteranno così in Ferrari dovranno presto decidere su quale pilota puntare, per evitare dispersioni "energetiche" che potrebbero agevolare i rivali di Woking.

Al 18° passaggio Hamilton rientra ai box per la prima sosta. Poco dopo è il turno di Kubica. La testa della classifica viene recuperata da Trulli, tallonato dallo stesso Hamilton, che prova subito l'attacco, senza riuscirci. L'attesa dura poco, perché l'italiano imbocca la corsia dei box. Ma l'alfiere del team di Woking perde due secondi alle sue spalle. Poi tocca ad Alonso fermarsi per il pit stop, seguito alla ventesima tornata da Massa, che rientra alla spalle di Hamilton. Ancora fuori Kovalainen, che è in testa. Quando la situazione si assesta, i valori in campo non mutano.

La classifica sembra piuttosto stabile e la gara si avvia ad avere una trama tranquilla. Ma uno spaventoso incidente accorso a Glock, vittima del cedimento della sospensione posteriore destra della sua Toyota, crea un grande pathos. Dev'essere stato un momento bruttissimo per lui che, per fortuna, rassicura sulle sue condizioni di salute. Meno male! Intanto entra la safety car, che rimescolerà le carte, scrivendo un copione diverso per la corsa. Siamo al 37° passaggio quando il gruppo si ricompatta. La direzione gara dà il suo ok alle soste ai box e molte squadre decidono di cambiare strategia. In molti rientrano per un pit stop anticipato, Ferrari comprese. C'è un pò di bagarre, che apre nuovi scenari.

Al 43° giro Kovalainen riesce a superare Kubica, grazie a una bella manovra. Un passaggio dopo Raikkonen sfrutta la lotta tra Vettel ed Alonso per scavalcare lo spagnolo, che viene poi messo alle spalle anche da Rosberg. Alla 45ma tornata il campione del mondo supera Vettel e, dopo pochi minuti, Trulli.

Hamilton porta a 12"5 il vantaggio su Massa, quarto dietro Heidfeld e Piquet. Al 50° giro Hamilton rientra ai box per un breve rabbocco. L'inglese passa alle gomme morbide ma torna in pista in quinta posizione, a ridosso di Kovalainen, che gli lascia strada.

Heidfeld rientra ai box al 54° passaggio e recupera il circuito alle spalle di Hamilton, in quarta posizione. Piquet passa dunque al comando, seguito a 1"9 da Massa che, a sua volta, precede Hamilton di 1"4.

Al 57° giro Hamilton attacca con decisione il ferrarista. Il brasiliano, con gomme dure, non riesce a tenere a bada l'arrembante inglese, ben più rapido con la McLaren dotata di coperture morbide. Il sorpasso avviene presto, ma Massa cerca il contrattacco, senza riuscire nell'intento. Piquet, grazie alla strategia dell'unica sosta, continua ad essere in testa. Viene presto scavalcato da Hamilton, che taglia vittorioso il traguardo. In terza posizione arriva Massa, davanti a Heidfeld, Kovalainen, Raikkonen, Kubica e Vettel. Per il giovane figlio d'arte delle Renault quella odierna è una gara da incorniciare, la migliore della sua carriera. Ma è Hamilton il vero Re di Germania.

Gp Germania, classifica finale:

01. Hamilton McLaren-Mercedes (B) 1h31:20.874
02. Piquet Renault (B) + 5.586
03. Massa Ferrari (B) + 9.339
04. Heidfeld BMW Sauber (B) + 9.825
05. Kovalainen McLaren-Mercedes (B) + 12.411
06. Raikkonen Ferrari (B) + 14.403
07. Kubica BMW Sauber (B) + 22.682
08. Vettel Toro Rosso-Ferrari (B) + 33.299
09. Trulli Toyota (B) + 37.158
10. Rosberg Williams-Toyota (B) + 37.625
11. Alonso Renault (B) + 38.600
12. Bourdais Toro Rosso-Ferrari (B) + 39.111
13. Coulthard Red Bull-Renault (B) + 54.971
14. Fisichella Force India-Ferrari (B) + 59.093
15. Nakajima Williams-Toyota (B) + 1:00.003
16. Sutil Force India-Ferrari (B) + 1:09.488
17. Button Honda (B) + 1 giro

Classifica piloti:

01 Lewis Hamilton (McLaren) 58
02 Felipe Massa (Ferrari) 54
03 Kimi Raikkonen (Ferrari) 51
04 Robert Kubica (BMW-Sauber) 48
05 Nick Heidfeld (BMW-Sauber) 41
06 Heikki Kovalainen (McLaren) 28
07 Jarno Trulli (Toyota) 20
08 Mark Webber (Red Bull) 18
09 Fernando Alonso (Renault) 13
10 Rubens Barrichello (Honda) 11
11 Nelsinho Piquet Jr (Renault) 10
12 Nico Rosberg (Williams) 8
13 Kazuki Nakajima (Williams) 8
14 David Coulthard (Red Bull) 6
15 Sebastien Vettel (Toro Rosso) 6
16 Timo Glock (Toyota) 5
17 Jenson Button (Honda) 3
18 Sebastien Bourdais (Toro Rosso) 2
19 Adrian Sutil (Force India) 0
20 Anthony Davidson (Super Aguri) 0
21 Giancarlo Fisichella (Force India) 0
22 Takuma Sato (Super Aguri) 0

Classifica costruttori:

01 Ferrari 105
02 BMW-Sauber 89
03 McLaren 86
04 Toyota 25
05 Red Bull 24
06 Renault 23
07 Williams 16
08 Honda 14
09 Toro Rosso 8
10 Force India 0
11 Super Aguri 0

Via | F1grandprix.it

  • shares
  • Mail
189 commenti Aggiorna
Ordina: