F1 - GP Monaco 2013: la gara di Montecarlo in chiave Pirelli

Come abbiamo visto, a Montecarlo è giunta la prima vittoria stagionale per la Mercedes. Il successo è stato firmato da Nico Rosberg, che ha vinto il Gran Premio di Monaco di Formula 1, regalando emozioni speciali agli uomini della "stella".

Il pilota tedesco delle frecce d'argento è giunto per primo sulla linea del traguardo, precedendo Sebastian Vettel, che ha messo a frutto un secondo posto molto utile in termini di classifica, dove il campione della Red Bull rafforza la sua leadership fra i conduttori.

Anche il team di Milton Keynes consolida il primato, facendo tesoro della situazione meno felice dei diretti rivali, che hanno perso terreno nella sfida dei Grimaldi.

Rosberg è stato in testa dall’inizio alla fine: partito con gli pneumatici P Zero Red supersoft è poi passato ai P Zero Yellow soft durante il periodo di safety car. Un incidente al 45° giro ha fatto sventolare la bandiera rossa. Nella circostanza, grazie alle attuali regole, i piloti hanno potuto cambiare le gomme. Il tedesco della Mercedes ha completato il Gran Premio con le supersoft, dopo un ulteriore periodo di safety car a 15 giri dalla fine.

Questo il resoconto della corsa di Paul Hembery, direttore Motorsport Pirelli: "Ancora una volta la safety car e la bandiera rossa hanno giocato un ruolo predominante nel Gran Premio di Monaco ed hanno influenzato la strategia, nel senso che hanno stravolto tutto quello che era stato pianificato nel pre-gara. Nonostante questo, abbiamo visto i bassi livelli di usura e di degrado degli pneumatici che ci aspettavamo: infatti, il leader della corsa con le supersoft ha fatto un giro in più nel suo primo stint rispetto allo scorso anno, anche se le mescole di questa stagione sono generalmente più morbide rispetto a quelle del 2012".

"Dopo che la gara è stata interrotta -prosegue il manager inglese- la maggior parte dei piloti ha deciso di ripartire con gomme supersoft usate, anche se sono stati sicuramente aiutati da un secondo ingresso in pista della safety car. Congratulazioni a Nico Rosberg e alla Mercedes, che hanno domitato tutte le sessioni e hanno guidato una gara ricca d'azione dall’inizio alla fine. Abbiamo assistito anche a performance eccezionali da parte di piloti che partivano da dietro ma che hanno utilizzato molto bene le gomme e le strategie, nonostante le circostante imprevedibili del gran premio di Montecarlo".

Foto | Pirelli.com

  • shares
  • Mail