F1: caso Mercedes, 45 giorni per decidere

Possibili tempi lunghi per una decisione definitiva sul caso gomme: lo statuto della Fia concede 15 giorni ad accusa, difesa e tribunale

Il caso Mercedes è sempre il tema in primo piano, nel mondo della Formula 1. Quei 1.000 chilometri di test degli pneumatici segreti effettuati dalla scuderia tedesca, un paio di settimane fa a Barcellona, continuano a far discutere e potrebbero portare ad alcune sanzioni. Il range è molto ampio: un semplice richiamo, una multa, l’esclusione da una gara o, addirittura, l’estromissione dal Mondiale 2013.

Ma quando si saprà qualcosa di definitivo? Le tempistiche potrebbero essere abbastanza lunghe, dopo il reclamo ufficiale presentato da Ferrari e Red Bull a Montecarlo. Nel 2010, il numero uno della federazione Jean Todt ha istituito il Tribunale internazionale della Fia e sarà, con ogni probabilità, questo organo giudiziario, presieduto dal britannico Edwin Glasgow, ad occuparsi di questo caso.

Lo statuto della Fia concede 15 giorni alla federazione per presentare il rapporto dei commissari, successivamente ci sono altre due settimane di tempo concesse alle parti per rispondere alle accuse e, infine, circa altri 15 giorni per arrivare alla sentenza. Dunque, un totale di 45 giorni, che potrebbe far slittare tutto verso la metà di luglio, prima del Gp di Ungheria e della classica pausa estiva. I tempi potrebbero ridursi, se il Presidente del tribunale decidesse di applicare l’articolo 11.3, in cui ha facoltà di “ridurre o estendere i tempi limite per il procedimento”.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail