F1, Sauber dice che a Monaco è stato distorto il suo potenziale

In casa Sauber non c’è aria cupa dopo l’esito infelice del Gran Premio di Monaco di Formula 1. Gli uomini del team di Hinwil pensano che la deludente gara di Montecarlo non debba essere utilizzata come indicatore dello stato di avanzamento dei lavori condotti dai tecnici nelle ultime settimane.

Come ricorda il sito di Autosport.com, Nico Hulkenberg ed Esteban Gutierrez sono tornati a casa senza punti dalla sfida del Principato, ma Monisha Kaltenborn, che gestisce la regia della formazione elvetica, insiste nel dire che la Sauber ha compiuto dei progressi con la sua monoposto, che non possono essere bocciati dall’esito della gara di Monaco, per la natura particolare di questo appuntamento del calendario agonistico.

Ecco le sue parole, riportate dallo stesso spazio web: “Non possiamo prendere la corsa di Montecarlo come cartina di tornasole del nostro stato di forma. Posso assicurare che gli ultimi aggiornamenti ci hanno permesso di compiere un passo avanti. Le cose vanno meglio di quanto si possa immaginare guardando in modo acritico il risultato della gara monegasca”.

In casa Sauber sono convinti di aver fatto dei progressi sul piano della stabilità del retrotreno della loro monoposto, che ha mortificato le aspirazioni del team svizzero in questo primo scorcio della stagione agonistica 2013.

La nuova ala posteriore, giunta in Spagna, sembra aver migliorato il quadro, anche se molto lavoro resta ancora da fare, per raggiungere lo stato di forma sperato.

Il capo designer Matt Morris pensa che siano state poste le basi per un continuo miglioramento. Questo è quanto emerge dalle sue parole: “Possiamo ritenerci sulla buona strada. Gli ultimi aggiornamenti hanno funzionato ed è bello quando si è sulla via d’uscita dai problemi. Certo, ancora si tratta di un piccolo passo, ma è un segnale incoraggiante, che certifica la bontà del percorso intrapreso”.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail