WRC, Rally Grecia 2013: la sfida ellenica in chiave Citroen

Come abbiamo visto, Dani Sordo ha chiuso in piazza d’onore il Rally di Grecia 2013. Il pilota iberico, assistito alle note da Carlos del Barrio, ha fatto uso di una condotta prudente nelle fasi conclusive della gara, per evitare di commettere sbagli sui difficili sterrati dell’Acropoli.

Con questo risultato il team Citroen Total Abu Dhabi World Rally conquista il secondo podio della stagione, dopo quello di Montecarlo. Note meno felici per Mikko Hirvonen e Jarmo Lehtinen, costretti ad accontentarsi dell’ottava piazza nella sfida iberica.

Lodevole, come dicevo, la strategia scelta da Sordo, che dopo aver visto la classifica del venerdì sera ha optato per una condotta prudenziale, senza fare tempi particolarmente veloci, con il preciso intento di gestire il vantaggio sul terzo e preservare meccanica e pneumatici.

Questo gli ha permesso di raggiungere il traguardo in posizione decorosa, mentre altri colleghi, solitamente più accorti di lui, hanno commesso degli sbagli che hanno compromesso il loro risultato, pagando il prezzo della loro esuberanza.

Ecco le parole di Sordo dopo la corsa: “Abbiamo evitato di correre rischi, senza attaccare per cercare la vittoria. Venivo da una serie di prove difficili, con tre gare su quattro concluse senza punti. Questo secondo posto fa bene al morale e ci permette di conquistare dei punti che servono. Spero che questo risultato ci ridia fiducia per ripartire con il piede giusto al Rally di Sardegna”.

Soddisfatto pure Yves Matton, Direttore di Citroen Racing: “Siamo contenti della gara di Dani. Gli avevamo chiesto il miglior risultato possibile senza correre rischi, ed è esattamente quello che ha fatto, dall’inizio alla fine della gara. Il problema tecnico alla partenza sull’auto di Mikko non ci ha permesso di conquistare punti nel Campionato Costruttori. È un peccato, ma è riuscito a terminare la gara e a segnare punti supplementari che potrebbero rivelarsi preziosi alla fine della stagione”.

Via | Citroen.it

  • shares
  • Mail