F1 – Gp Canada 2013, Button: "E' stato un GP doloroso"

Jenson Button esprime tutto il proprio scoramento al termine del GP di Canada. "La strategia non si è rivelata azzeccata e la monoposto non era veloce a sufficienza" commenta, rivelando poi di non essere mai stato così contento dal concludere un GP.

2013_canada_gp_jenson_button

L’incolore 12° posto ha rappresentato per lui un’esperienza dolorosa. Jenson Button commenta in modo amaro e rassegnato l’esito del suo Gran Premio di Canada, appuntamento che la McLaren può semplicemente archiviare con l’aggettivo ‘disastroso’: l’inglese ed ex-campione del mondo è rimasto confinato in 12° posizione, mentre il compagno Sergio Perez non è andato oltre l’11° piazza. “Correre qui è stata un’esperienza abbastanza dolorosa. Dobbiamo percorrere ancora molta strada prima di raggiungere le posizioni di vertice – commenta –. Oggi è parso evidente come nemmeno una strategia sagace abbia potuto aiutarci”.

“Non sono mai stato così felice di uscire dalla monoposto – continua Button, il cui parere è stato raccolto da Autosport –. Siamo stati doppiati con estrema facilità e sembrava corressimo per una categoria minore”. Button non manca poi di criticare la strategia di gara, a suo avviso mal calibrata. “Abbiamo percorso il secondo stint di gara su tempi troppo elevati – il suo punto di vista –. E’ necessario capirne il motivo e stabilire perché pensavamo di essere veloci a sufficienza”. “Dobbiamo analizzare tutte le mosse e semplicemente migliore” la sua estrema sintesi.

Button ha vissuto un week end decisamente storto. I primi sentori erano evidenti già da sabato, quando a pochi secondi dal termine della Q2 vide incredibilmente sventolare la bandiera a scacchi, risultato della troppa calma nell'entrare in pista dopo l'incidente occorso a Felipe Masa. Fu quindi costretto a partire dalle 14° posizione.

  • shares
  • Mail