F1, Button mette la McLaren fuori dai giochi iridati 2013

In Formula 1 l’ottimismo e la fiducia non devono mai mancare, perché sono la premessa della crescita. Non deve però fare difetto il realismo, altrimenti si affrontano le situazioni dalla prospettiva sbagliata.

Con molta concretezza Jenson Button ammette che la McLaren è ormai fuori dai giochi iridati nella stagione agonistica in corso, anche se c’è il margine per qualche soddisfazione lungo il cammino che ci separa dalla chiusura di questo campionato del mondo di Formula 1.

Il pilota britannico del team di Woking dice che il gap della MP4-28 rispetto ai migliori è troppo alto per pensare a un cambio di trend. Ecco le sue parole alla stampa inglese, riprese dal sito di Motorsport: “Siamo troppo indietro, non riusciremo a lottare per il titolo 2013”.

Con 12 gare ancora all’orizzonte, Button accusa un ritardo di 100 punti dal capofila Sebastian Vettel. Anche se la McLaren ha grandi risorse, sembra davvero difficile una rimonta, partendo dalle premesse attuali. Ci vorrebbe un mezzo miracolo, che non mi sento di escludere a priori, ma la realtà tiene con i piedi per terra.

La tentazione, a questo punto, potrebbe essere quella di concentrare le energie sulla monoposto 2014, ma Button preferisce andare avanti con lo sviluppo dell’attuale monoposto: “Possiamo ancora prenderci qualche bella soddisfazione, anche se escludo il podio nella mia gara di casa, quella di Silverstone”. E’ ancora, presto, tuttavia, per fare delle previsioni.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail