McLaren F1, Michael: "Canada brutale, ma a Silverstone andrà meglio"

La McLaren non ha avuto un avvio di stagione brillante. Le monoposto della scuderia di Woking sono state inferiori alle aspettative in questi primi appuntamenti del calendario agonistico 2013.

In Canada, poi, le cose sono andate in modo particolarmente negativo. Nonostante l’esito infelice della sfida di Montreal, nel management della squadra inglese non si alza bandiera bianca.

Sam Michael dice che gli uomini del team non sono disposti a buttare la spugna, perché confidano sulla possibilità di tirarsi fuori dalla sacca del grigiore attuale.

Il direttore sportivo della McLaren parte proprio dal weekend canadese per sviluppare la sua analisi su Sky Sports F1. Ecco le sue parole, riprese da Planet F1: “Il più recente appuntamento del calendario agonistico è stato brutale per la nostra squadra. Purtroppo le cose non sono andate nel modo sperato. Stiamo ancora sviluppando la vettura, con qualche piccolo segnale di ripresa, molto lontano però dalle nostre aspettative”.

Penso tuttavia –aggiunge Michael- che l’immagine di Montreal sia stata più nera della realtà effettiva delle cose, tracciando un profilo ancora più buio della nostra situazione attuale. Penso che a Silverstone saremo decisamente più competitivi che a Montreal”.

Secondo lui, gli aggiornamenti introdotti sulla monoposto d’oltremanica dovrebbero funzionare meglio sulla pista di casa, per la sua diversa planimetria, meno penalizzante di quella di Notre Dame. Ulteriori aggiornamenti dovrebbero aiutare, ma senza la speranza che si concretizzi il miracolo: “Sono sicuro che miglioreremo, ma fare un grande passo avanti è irrealistico nel breve periodo. In ogni caso non ci arrenderemo”.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail