Caso test Mercedes-Pirelli: Wolff "Non abbiamo fatto nulla di male"

Il direttore esecutivo della scuderia tedesca, sull'udienza al Tribunale FIA: "Abbiamo preparato i nostri documenti, più di così non possiamo fare"

Si avvicina il giorno del giudizio per la Mercedes, sul famoso test segreto svolto a Barcellona nel maggio scorso. Dopodomani è in programma l'udienza a Parigi, presso il Tribunale Internazionale della FIA, dove la scuderia tedesca e la Pirelli dovranno spiegare la propria posizione, su quelle prove con le vetture 2013, effettuate sul circuito catalano, all'insaputa delle altre scuderie del Mondiale di Formula 1.

"Abbiamo preparato i nostri documenti - ha detto Toto Wolff, direttore esecutivo della Mercedes, in un'intervista al quotidiano tedesco 'Welt am Sonntag' - non possiamo fare di più". La scuderia di Brackley crede di essere nel giusto: "Non abbiamo alcuna sensazione, né positiva, né negativa, ma siamo convinti di non aver fatto nulla di male".

Gli altri team, in particolare Ferrari e Red Bull, non la pensano allo stesso modo e credono sia giusto punire la Mercedes, per un vantaggio illegale avuto da quei 1.000 chilometri di test. Se il Tribunale della FIA riterrà Brown e compagni colpevoli, le sanzioni vanno da una multa, fino alla più estrema (ed altamente improbabile) esclusione dal Mondiale 2013. Ancora qualche giorno di attesa, poi questo caso verrà risolto.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: