F1, McLaren: Whitmarsh ottiene il sostegno di Button

La McLaren ha avuto un primo scorcio di stagione molto lontano dalle aspettative della vigilia. Il sesto posto in classifica costruttori, con soli 37 punti all’attivo, dopo la disputa di sette gare del calendario iridato, non è certo una base soddisfacente.

Inutile nascondersi dietro il classico dito: la situazione è poco gratificante per la squadra d'oltremanica, la cui tradizione è ben più nobile.

In casi del genere è facile attribuire delle responsabilità, anche quando non si conosce la situazione dall’interno. Qualcuno ha puntato l’indice contro Martin Whitmarsh, imputandogli colpe oggettivamente ascrivibili ad altri.

Jenson Button scende in campo per difenderle il suo team principal, dicendo che è il leader giusto per la scuderia di Woking. Il pilota britannico coglie dei segnali di ripresa sulla monoposto, nonostante il passo a vuoto in Canada, che ha interrotto una lunga sequenza in zona punti della McLaren.

Ecco le sue parole su Sky Sports News, riprese da EspnF1: “Penso che Martin sia davvero un buon capo. E’ eccellente anche sul piano umano. Di lui ci si può fidare ed è un sentire comune in fabbrica e fra gli uomini del team. Certo, per uno con il suo incarico una situazione come quella attuale è difficile, specie tenendo conto della storia della McLaren, ma lui è il migliore per portarci a superare questo momento grigio”.

Ora la squadra inglese si prepara ad affrontare il Gran Premio di Gran Bretagna. Button non si aspetta il miracolo, ma confida in un weekend più positivo: “Stiamo facendo del nostro meglio per raccogliere un risultato luminoso a Silverstone. Speriamo di regalare belle emozioni ai nostri tifosi. Vogliamo risalire la china ed abbiamo una tradizione brillante a sostenere i nostri sforzi”.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail