Sebastien Loeb con Citroen alla conquista del Fia WTCC 2014

Citroen entrerà in azione nel Fia WTCC a partire dal 2014. La casa francese, più volte protagonista vittoriosa del WRC, si prepara con grandi ambizioni allo sbarco nel campionato mondiale turismo.

Il nuovo impegno segnerà l'esordio del marchio del "double chevron" in un campionato internazionale su circuito. Questa scelta sottolinea l’importanza dello sport automobilistico, fucina tecnologica della casa transalpina, e la volontà di proseguire il formidabile sodalizio con Sebastien Loeb, che affonterà insieme al marchio francese la nuova sfida.

Ecco le parole di Frédéric Banzet, direttore generale di Citroen: "Gli ultimi ci sono sono serviti per valutare a fondo l'opportunità del programma. Il WTCC si fonda su caratteristiche fondamentali per il nostro brand: ampia visibilità mediatica, un regolamento che limiti il budget e un calendario mondiale. Questo impegno di permette di mettere in gioco di nuovo la nostra Créative Technologie, ma di sostenere anche lo sviluppo della marca in mercati in crescita, come Cina, Russia o America del Sud. Ringrazio in particolare il nostro partner Total, che ci accompagnerà in questa nuova avventura".

L'arrivo di Citroen Racing sui circuiti non coinciderà, ovviamente, con l'abbandono dei rally, dopo si punterà a conquistare i migliori risultati possibili attraverso il rafforzamento della partnership con Abu Dhabi. Sarà diverso, però, il quadro dell'impegno, focalizzato su nuovi obiettivi.

Se il debutto del "double chevron" nel mondiale turismo fa notizia, non meno interesse desta il nome del primo pilota comunicato per la prossima parentesi sportiva, quello di Sebastien Loeb. L'extraterrestre alsaziano, che ha vinto più di ogni altro nel mondo dei rally, non nasconde il suo entusiasmo per la nuova avventura nell'universo del motorsport: "Sono felicissimo di questa conferma, è fantastico poter scrivere tutti insieme un nuovo capitolo della nostra storia. Sono impaziente di sedermi al volante della vettura e iniziare i test. Quest'anno di transizione mi è servito per moltiplicare le esperienze e mettere a punto il pilotaggio su circuito. Non pretendo di vincere subito, ma ho tutte le intenzioni di arrivarci prima o poi".

Via | Citroen.com

  • shares
  • Mail