F1, Marussia conferma Jules Bianchi per il 2014

Jules Bianchi sarà al volante della Marussia anche l’anno prossimo, dopo che la squadra russa ha confermato la fiducia nei suoi confronti.

Comprensibile la gioia del pilota francese, che emerge nettamente nelle sue parole, riprese da Planet F1: “Sono felice di continuare il rapporto anche nel 2014. Non avrei potuto desiderare un ambiente più favorevole per il mio debutto e per la fase iniziale della mia carriera in Formula 1. Mi sono sempre sentito a casa, perfettamente a mio agio”.

La speranza è che le cose vadano meglio l’anno prossimo, quando drivers e team potranno capitalizzare meglio l’esperienza acquisita grazie agli errori del 2013, per affrontare con maggiore forza e determinazione la sfida imposta dagli importanti cambiamenti che si profilano all’orizzonte, il primo dei quali è il passaggio alle nuove unità propulsive V6 sovralimentate da 1.6 litri.

A tal proposito ricordiamo che a partire dal prossimo anno la Marussia disporrà di motori Ferrari a spingere le sue monoposto. La casa del “cavallino rampante” ha guadagnato la preferenza, rispetto all’alternativa rappresentata dalla Mercedes. In entrambi i casi, come per la Renault del resto, i prezzi dell’erogazione cresceranno nel 2014, ma il propulsore di Maranello sembra più conveniente di quello della “stella”.

Mettendo da parte il fattore emotivo, per Marussia risparmiare sui costi è una priorità, visto il budget risicato di cui dispone. La decisione è stata presa tenendo in debita considerazione questo aspetto, come si capisce dalle parole pronunciate qualche giorno prima dell’intesa dell’amministratore delegato Andy Webb: “E’ chiaro che il prezzo è stato un fattore importante, ma l’esborso sarà più alto rispetto ad oggi”.

A fine anno, quindi, si interromperà il rapporto di collaborazione con Cosworth, dopo la rinuncia della factory britannica ad impegnarsi nella costruzione del motore imposto dalle nuove regole. Continuerà, invece, l'intesa con Bianchi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail