F1, Chilton confida nella permanenza alla Marussia nel 2014

Il suo è uno dei sedili a rischio, ma Max Chilton si aspetta di rimanere alla Marussia anche nel 2014, nonostante le voci dell’arrivo di altri al suo posto.

2013_max_chilton

Il britannico non ha impressionato nella stagione d’esordio, ma nelle gare più recenti si è espresso meglio, facendo intuire quello che potrebbe fare.

Lui è fiducioso, come emerge chiaramente dalle sue parole, pubblicate da F1 Times: “L’anno prossimo è molto probabile che resti nella mia squadra attuale. E’ vero, non tutto è andato al meglio, ma da quando la vettura è diventata più equilibrata ho mostrato maggiormente il mio potenziale. In Formula 1 ci vuole un po’ di tempo di adattamento”.

Pur essendo sotto pressione, Chilton crede quindi di aver fatto abbastanza per meritare la conferma nel team di Banbury. Lui manifesta la voglia di concorre in modo più incisivo alla causa del gruppo, sperando che la line-up della Marussia non cambi geografia.

Ricordiamo che solo pochi giorni fa, il direttore sportivo Graeme Lowdon aveva ammesso in un’intervista a Sky Sport, parzialmente ripresa da Planet F1, che per loro non è facile decidere se andare avanti nel segno della continuità o se effettuare modifiche alla formazione piloti.

In questo caso, il sedile traballante sarebbe quello di Chilton, dal momento che Jules Bianchi è stato confermato per il 2014. Il giovane pilota britannico potrebbe fare i conti con la concorrenza di diversi piloti con un certo bagaglio di esperienza sulle spalle.

Questi ultimi avrebbero la corsia preferenziale, se le parole di Lowdon hanno il senso letterale della loro sequenza: “I grandi cambiamenti regolamentari all’orizzonte ci spingono a ritenere che una line-up che viri maggiormente verso la maturità professionale possa regalare un giovamento alla nostra squadra”. L’apprezzamento espresso, tuttavia, nei confronti dei piloti attuali e le dichiarazioni di Max lasciano aperte le porte ad una prospettiva diversa.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail