F1: Valsecchi-Lotus, c'è aria di addio

Il pilota italiano è rimasto deluso dalla scelta Kovalainen: "Evidentemente non servo molto alla squadra"

La decisione della Lotus di preferirgli Heikki Kovalainen è stato un colpo durissimo e difficile da assorbire per Davide Valsecchi, pur proseguendo il suo consueto lavoro nel Gp della scorsa settimana ad Austin ed in quello al via oggi in Brasile. Il pilota italiano pensava (giustamente) di meritarsi la sua occasione, dopo aver vinto l’anno scorso il campionato Gp2, aver mostrato di avere ottime qualità nei test giovani e lavorato tutto l’anno con la scuderia di Enstone, al fianco di piloti e tecnici del team.

Non è andata così e la sua avventura con la Lotus sembra destinata a chiudersi al termine di questo 2013: “Non so se rimarrò. Hanno chiamato qualcun altro quando c’è stata l’occasione, questo significa che non servo molto alla squadra di quest’anno – ha confidato, nei giorni scorsi, in un’intervista ad Espn – Mi piacerebbe correre, in qualche modo”. Parole piuttosto chiare, che porteranno quasi sicuramente alla separazione, anche se non è facile trovare un altro posto arrivati già alla fine di novembre.

Quasi impossibile in Formula 1: la Lotus deve ancora annunciare il secondo pilota, ma l’italiano non è mai rientrato tra i candidati. La Force India è ancora senza piloti per il 2014, così come mancano delle caselle in Caterham, Marussia e Sauber, però nemmeno per queste scuderie si è mai fatto il nome di Valsecchi. Resta la possibilità di correre in qualche altro campionato: anche se dopo aver vinto la GP2, il passaggio naturale sarebbe stato quello di avere un’opportunità nella massima categoria.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: