Gp Brasile F1 2013: Rosberg fa la 'spia' "Ho segnalato io la penalità di Massa"

Il pilota della Mercedes confessa: "Quando ho visto Felipe, ho urlato tantissime volte alla radio"

Non certo come nel 2012, dove botta e risposta erano andate avanti per settimane, ma anche il Mondiale 2013 si è chiuso con una polemica con la Ferrari coinvolta. Da Maranello c’è stata grande irritazione per il drive through inflitto a Felipe Massa, che ha retrocesso il brasiliano dalla quarta alla settima posizione, facendo perdere forse i punti decisivi per il secondo posto nel campionato costruttori. “La penalizzazione è stata troppo estrema”, ha detto Montezemolo e sulla stessa lunghezza d’onda anche le parole di Domenicali: “Penalità molto forte”.

Il brasiliano è passato sulla linea bianca della corsia box ed è stato penalizzato, mentre aveva la possibilità di salire sul podio o, almeno, di mantenere il suo quarto posto. Nelle ore successive al termine della gara, arriva la ‘confessione’ di Nico Rosberg: “Quando ho visto passare Felipe dentro la riga – ha detto il pilota della Mercedes, ai microfoni di Sky – l’ho urlato tantissime volte alla radio. Mi spiace per i tifosi della Ferrari, ma era il miglior modo possibile per poter guadagnare una posizione”.

Dunque, c’è stata la ‘spiata’ da parte del tedesco ai commissari di gara, è stato messo sotto la lente d’ingrandimento il ‘fattaccio’ ed è arrivata la penalità nei confronti del brasiliano. Non è certo la prima volta che succede, anzi, (e non sarà l'ultima) ed in ballo c’erano i quasi otto milioni di bonus per il secondo posto nel mondiale costruttori, comunque sono parole che non faranno piacere all’ambiente di Maranello e tantomeno ai tifosi della rossa.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati