F1: la Lotus ci crede "Lotteremo per il podio nel 2014"

Il team principal Eric Boullier è ottimista: "Dove non ci sono risorse, è necessario avere le idee"

Il Mondiale 2013 è terminato da appena due settimane, ma è già grandissima l’attesa per la stagione 2014, con la più volte citata rivoluzione dei motori turbo e le altre novità regolamentari. Dominerà ancora la Red Bull o ci sarà più equilibrio? Escluso il team anglo-austriaco, ovviamente, tutti si augurano la seconda ipotesi e, tra le scuderie più attese, ci sarà sicuramente la Lotus. Senza la stella Kimi Raikkonen, ma con la coppia giovane formata da Romain Grosjean e Pastor Maldonado, come annunciato una settimana fa.

Tuttavia, sulla scuderia di Enstone c’è ancora una grande ombra: quella dei problemi finanziari. Non è stato ancora varato l’accordo con Quantum Motorsport per l’arrivo di capitali freschi e le nuove monoposto, appunto perché andranno rivoluzionate, saranno piuttosto costose. Se nei giorni scorsi avevamo parlato dei timori di Grosejan, il team principal Eric Boullier è apparso molto più fiducioso sulla competitività della monoposto: “Quando non si hanno le risorse – ha detto ad Autosport - è necessario avere le idee”.

E, secondo Boullier, potranno fare la differenza: “Lavoriamo sulla macchina 2014 da due anni – ha proseguito – proprio perché non potevamo permetterci tante risorse. Nessuno sa dove saremo, ma le cose stanno andando abbastanza bene”. Proprio questa incertezza generale, permette a tutti di mostrare un certo ottimismo o, se non altro, una forte speranza di essere nuovamente tra i protagonisti. Ed anche in casa Lotus è così: “E’ abbastanza realistico pensare che, per la prossima stagione, saremo ancora una forte concorrente per il podio”.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail