Rally Valle d'Aosta Saint Vincent: trionfa Elwis Chentre

chentre

Si è concluso con una vera standing ovation il 39° Rally Valle d’Aosta-Saint Vincent, grazie alla vittoria di un driver locale. A chiudere in testa è stato Elwis Chentre, al debutto con la Peugeot 206 WRC. Una vittoria conquistata con il cuore e con la forza, quella dell’ex Campione Italiano di Trial che, dopo aver preso le misure durante le prime tre prove speciali, ha compiuto un attacco deciso a Felice Re, leader della corsa fino a quel momento.

Deciso a centrare un risultato che vale una stagione, perché acquisito davanti al pubblico amico, Chentre sotto la bandiera a scacchi ha staccato di 32”7 il campione in carica della disciplina, attento ad evitare i rischi di una focosa rimonta. Completa il podio un altro pilota lariano, Paolo Porro, con la vettura più recente del lotto, una Ford Focus WRC versione '06. Una gara regolare, la sua, portata a termine con merito nonostante un testacoda nella penultima prova.

Fuori dal podio i distacchi si sono rivelati pesanti, ben oltre il minuto: la quarta posizione è stata centrata da Luca Pedersoli (Peugeot 206 WRC), affiancato da Romano. Tornato allo sport attivo dopo alcune stagioni di pausa, il bresciano si è impegnato soprattutto a capire la vettura, con cui correva per la seconda occasione, mentre la top five è completata da Silva-Pina, al via anche loro con una Peugeot 207 WRC.

Problemi prima di gomme e poi di trasmissione hanno impedito a questi ultimi di esprimersi a livelli congrui al reale potenziale. Il pubblico aostano ha salutato con soddisfazione un’altra prestazione di spessore di un proprio idolo, Marco Blanc, che alla seconda uscita con la Peugeot 207 S2000 ha sopraffatto la concorrenza di categoria con una gara incisiva, chiudendo l’impegno in sesta posizione finale.

Sempre in S2000 si è assistito allo spettacolare duello tra le Abarth Grande Punto Abarth S2000 del ligure Alessio Pisi e del reggiano Marco Bernardelli: ha prevalso all’ultimo tuffo il primo per l’inezia di sei decimi. Il gruppo N è stato appannaggio della Mitsubishi Lancer EVO IX di Vedelago-Canova, vittoria arrivata dopo le difficoltà palesate da Laganà-Guzzardi (Mitsubishi Lancer Evolution).

Al comando sino alla penultima prova, Laganà ha perso tutto il vantaggio acquisito in conseguenza ad una “toccata” posteriore, prima di alzare bandiera bianca sulla prova finale per incidente. Le vetture a due ruote motrici sono state dominate dalle Renault New Clio Sport dell’omonimo trofeo monomarca, dove ha vinto il toscano Stefano Bizzarri sul trentino Ferrari, con Alberini terzo proprio nelle ultime battute.

Nuova gioia per i locali grazie alla vittoria di Roberto Sordi nella gara di esordio della Suzuki Rallye Cup sul giovane Crugnola; nella serie “Corri con Clio” ha prevalso il friulano Martinis (Renault Clio RS) e nella C2 R2 Rally Cup il successo l’ha fatto suo Cesa.

Classifica finale:

01. Chentre-D’Herin (Peugeot 206 WRC) in 1:32’53”7
02. Re-Bariani (Citroen Xsara WRC) a 32”7
03. Porro-Cargnelutti (Ford Focus WRC) a 1’05”6
04. Pedersoli-Romano (Peugeot 206 WRC) a 2’09”5
05. Silva-Pina (Peugeot 206 WRC) a 4’36”1

Via | Press Office

  • shares
  • Mail