Kimi Raikkonen è ansioso di tornare in cima al podio

kimi raikkonen

Kimi Raikkonen vuole riassaporare il gusto della vittoria, che da troppi mesi manca dal suo curriculum. Il ferrarista, accusato di debole motivazione, è pronto a smentire la tesi, dando fondo al meglio del repertorio personale. Conseguire il successo in Spagna è poco probabile, ma recuperare lo spirito giusto può aiutare a risalire la china.

Parlando del prossimo appuntamento iridato, il finlandese dice: "E' passato poco più di un anno dalla mio ultimo trionfo in Formula 1. Nel 2008, proprio a Barcellona, ebbi uno dei migliori week-end con la Ferrari: pole, vittoria e giro più veloce in gara. Da allora, altre volte sono andato vicino al successo ma, per un motivo o per l'altro, non ci sono riuscito. Un pilota però non perde il gusto della vittoria e io voglio riprovarlo il prima possibile".

L'aria del Vecchio Continente potrebbe ossigenare meglio i polmoni della "rossa", portandola a un livello congruo alla gloriosa storia. "Dopo quattro gare lontano dall'Europa - aggiunge Raikkonen- è sempre piacevole iniziare la fase casalinga. Mi piace molto il Circuit de Catalunya, anche perché vi ho già ottenuto due successi".

La cornice ambientale, però, non è sufficiente a capovolgere le cose. Occorre un duro lavoro tecnico, da condurre senza distrazioni. A Maranello si sono impegnati notte e giorno per cercare di guadagnare una forma smagliante. Diverse novità sono attese per il week-end, ma sarà il confronto con gli altri a sancire la bontà degli sforzi.

Le simulazioni promettono bene: "Mi ha fatto piacere sapere dalla squadra - conclude Raikkonen - che le prime indicazioni sul nuovo pacchetto aerodinamico sono positive. Sarà interessante provare la macchina già nelle libere del venerdì mattina. Con la foggia rivista avremo più carico rispetto alle prime quattro gare, ma anche gli altri avranno degli aggiornamenti: bisognerà vedere chi avrà lavorato meglio.

A Montmelò l'efficienza dei flussi è cruciale per fare il tempo. E' una pista molto impegnativa dal punto di vista tecnico e bisogna avere una buona macchina per essere competitivi. Sarà importante fare una buona qualifica per evitare di trovarsi in mezzo al gruppo, con tutti i rischi che ciò comporta alla partenza. Il Kers dovrebbe agevolare i sorpassi. Dobbiamo aspirare a qualcosa di più del sesto posto in Bahrain". Giusto, specie se alle parole seguiranno i fatti.

Via | Eurosport.com

  • shares
  • Mail
21 commenti Aggiorna
Ordina: