GP Australia F1 2014, Domenicali: "Dobbiamo migliorare la Ferrari F14T"

Il Gran Premio d’Australia di Formula 1 è stato meno fruttuoso del previsto per la Scuderia Ferrari, che incassa un grigio risultato nella prima tappa della stagione agonistica 2014.

AUTO-MOTO-ITA-FERRARI-DUCATI-WROOM

Alla vigilia dell’appuntamento di Melbourne tutti si aspettavano una Ferrari più incisiva di quella che si è vista sulla pista dell’Albert Park, teatro del Gran Premio d’Australia di Formula 1. In pochi pensavano al successo immediato, ma c’erano valide ragioni per credere che le “rosse” non sarebbero finite a tale distanza dal vertice.

Le cose, però, sono andate male per la squadra di Maranello, costretta ad accontentarsi del quinto posto di Fernando Alonso e dell’ottavo di Kimi Raikkonen. In totale fanno 14 punti per il bilancio del team, ma non si può gioire di questo.

E’ chiaro che si profila all’orizzonte una montagna di lavoro da fare nei dieci giorni di tempo che ci separano dalla seconda gara dell’anno, in programma in Malesia. Non fa mistero di questo dovere il team principal Stefano Domenicali.

Ecco le sue parole, riprese dal sito ufficiale della casa emiliana: “Oggi abbiamo raggiunto l’obiettivo per quello che riguarda l’affidabilità, ma è risultato evidente il distacco da recuperare, in particolar modo sulla Mercedes. Le informazioni raccolte in questo weekend indicano con assoluta chiarezza qual è la strada da percorrere e dove è necessario intervenire. Sarà importante accelerare i tempi di recupero e reagire come si è fatto da sempre nella squadra di cui facciamo parte. I nostri ingegneri sanno quali sono le priorità e le aree in cui occorre migliorare da subito la nostra vettura”.

I tifosi sperano che i risultati giungano in fretta, perché a Melbourne la Mercedes è stata una vera dominatrice. A Maranello non mancano le risorse umane, tecnologiche e finanziarie per conseguire lo scopo, ma occorre capitalizzare al meglio i valori, nei tempi più stretti.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail