Ferrari, Raikkonen: "Se faremo le cose nel modo giusto, cresceremo"

Il Gran Premio d’Australia di Formula 1 ha messo in mostra diverse lacune della Ferrari F14T, che necessità di interventi migliorativi, possibilmente in tempi stretti.

alonsoraikkonenf14t

All’Albert Park di Melbourne si è celebrato il primo atto della stagione agonistica 2014, con il Gran Premio d'Australia di Formula 1. Nella terra dei canguri, la Ferrari ha chiuso con un bilancio modesto, reso un po’ meno problematico dalla squalifica di Daniel Ricciardo, che ha consentito ai piloti delle “rosse” di guadagnare un posto nell’ordine d’arrivo.

Fernando Alonso e Kimi Raikkonen sono giunti, così, in quarta e sesta piazza: davvero poco per una squadra con ambi-zioni iridate. A preoccupare di più è il ritardo di 35 secondi accusato dal più veloce dei bolidi di Maranello rispetto alla Mercedes di Nico Rosberg, primo al traguardo a fine gara.

E’ chiaro che gli uomini del “cavallino rampante” devono darsi tanto da fare in questi giorni, per superare i problemi emersi nel primo appuntamento stagionale. Due le parole guida: pazienza e lavoro.

Di pazienza parla anche Kimi Raikkonen, sul sito ufficiale della Ferrari: “Io credo che all’inizio di una stagione come questa, con gomme e soprattutto vetture completamente nuove, si imponga come primo obiettivo quello di raggiungere la bandiera a scacchi. Noi ci siamo riusciti e io sono finalmente stato in grado di percorrere l’intera distanza di gara con questa vettura”.

Ora –aggiunge Raikkonen- bisogna mantenere la calma: il team è coeso, sappiamo cosa dobbiamo fare e come operare per ottenere più prestazione. Siamo consapevoli che questo processo di sviluppo non si completerà nel giro di una notte, per cui è necessario essere pazienti e riuscire a concentrarci al massimo sul nostro lavoro senza guardare gli altri. Sono certo però che, se faremo le cose nel modo giusto, già nella prossima gara in Malesia i risultati saranno decisamente migliori”.

Lo scenario ipotizzato potrebbe anche realizzarsi, ma occorre un lavoro di qualità da parte di tutti. A Maranello non mancano le risorse umane e tecnologiche per riuscire nell’impresa, ma non bisogna sprecare tempo. In Emilia Romagna lo sanno.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail