Mercedes F1, Wolff: "Non vincere i titoli sarebbe un fallimento"

In casa Mercedes c’è una comprensibile gioia per l’esito del Gran Premio d’Australia di Formula 1, nonostante il ritiro di Lewis Hamilton a pochi giri dal via.

MercedesW05

All’Albert Park di Melbourne la Mercedes ha messo all’incasso un ottimo risultato, con la vittoria di Nico Rosberg nel Gran Premio d’Australia di Formula 1, tappa d’apertura della stagione agonistica 2014.

Nonostante il precoce ritiro di Lewis Hamilton, le “frecce d’argento” hanno messo in mostra una tempra di riferimento, che si poteva tradurre in una doppietta senza i problemi tecnici al bolide dell’asso di Stevenage.

Al momento la Mercedes dispone della monoposto più performante in griglia. I favori del pronostico, per le fasi successive della stagione, sono quindi per lei. “Non vincere i titoli –dice il direttore esecutivo Toto Wolff – sarebbe un disastro”.

Le affermazioni del manager sembrano troppo avventate, dato che siamo ancora all’inizio del cammino sportivo, ma nascono dalla consapevolezza dei mezzi a disposizione e dalla necessità di conseguire obiettivi ambiziosi, dopo aver speso tanti soldi e molte energie nel Circus.

Come abbiamo visto, in Australia il dominio è emerso sia in prova, con la pole position di Hamilton, che in gara, con la gloria finale di Rosberg. Sensibile il vantaggio sui rivali, a riprova di una supremazia senza incertezze.

Wolff dice che gli uomini della scuderia tedesca devono fare il possibile per preservare e magari incrementare il vantaggio sui rivali, perché altrimenti il rischio è quello di perdere terreno e indebolire le possibilità iridate, al momento alte.

Scivolare indietro –dice il dirigente della stella- equivarrebbe a un fallimento per noi. Abbiamo un certo margine, ma le cose possono cambiare in fretta. Basta vedere i progressi compiuti dalla Red Bull in poche settimane per capire cosa può succedere. Dobbiamo stare molto attenti e lavorare efficacemente”.

  • shares
  • Mail